NEL CERCHIETTO GIALLO I RESTI DEL MURO SUD DEL CASTELLO DI PLACIA

mercoledì 16 ottobre 2013

Soluzione oggetto misterioso n. 14


In questa foto, proprio al centro, si può ben vedere dov'è situato l'oggetto misterioso in via Sant'Agostino. L'oggetto non è altro che un argano (ormai arrugginito) a manovella mobile che s'innestava nel foro centrale esagonale. Ruotando la manovella si tirava una fune, anche metallica, che sosteneva un lampione a petrolio tramite una carrucola. La luce elettrica nella nostra città fu introdotta per la prima volta nel 1904 ed era prodotta da una centrale alimentata a nafta. La centrale, che faceva un rumore infernale, e i miei nonni materni ne sapevano qualcosa abitando nel retrostante cortile Minnella, aveva la sede al secondo piano dell'edificio in via Cavour (Santa Rusalìa) che sino a poco tempo fa è stata la sede della Pretura prima e della Facoltà di Scienze della Formazione poi. In quel periodo, e anche dopo, al pianterreno c'erano le botteghe del mercato ortofrutticolo e alimetare. Sino agli anni trenta questa centrale poteva assicurare l'elettricità in un raggio di 200 metri ca., tutta l'altra parte della Città ne rimaneva senza. Ecco perchè, sino a quando la centrale non fu potenziata col passaggio dal Comune alla Società Generale Elettrica dei fratelli Prestifilippo, in tutte le strade principali senza elettricità si accendevano dei lampioni a petrolio. Gli addetti passavano con una scala, ruotando l'argano facevano scendere il lampione, se era il caso aggiungevano del petrolio che portavano di scorta na lànna, accendevano il lume e riportavano il lampione in alto a illuminare quel tratto di via o d'incrocio. Questo avveniva la sera all'imbrunire, al mattino c'era l'operazione inversa, tutti i giorni dell'anno. Gaetano Masuzzo/cronarmerina 

23 commenti:

  1. interessante . come sono cambiate le cose sempre in meglio per noi .la tecnologia ha fatto miracoli.ci lamentiamo sempre di tutto ,e stiamo bene,in confronto hai nostri avi,che poverini vivevano poco e vivevano male cie'di stenti di freddo e di fame.

    RispondiElimina
  2. Bene. Ora che finalmente la giuria ha decretato che il vincitore sono io (avevo parlato di Argano da alcuni giorni) mi aspetto di essere premiato come si deve. Nel caso di inadempienze, mi rivolgerò alla Giustizia Ordinaria e poi alla Corte di Giustizia dell' AIAX e poi a quella del .... REAL MADRID. Passo e... spengo il lampione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro heral tutta la redazione ti consiglia di rivolgerti alla Corte di Giustizia competente ovvero quella del DIXAN. Non c'è niente da fare il premio di questa volta andrà in beneficenza !

      Elimina
  3. Fantastico prof.!
    Vinicio

    RispondiElimina
  4. claudio contrafatto16 ottobre 2013 18:26

    anche senza premio il gioco è divertente. Claudio Contrafatto (Herald Triumph))

    RispondiElimina
  5. Giovanni Piazza16 ottobre 2013 18:56

    Miiiiih, u premiu si futteru? A mmia? Che sono l'unico ca ci andò vicinissimo con la lampadina che ci voleva 'ntrummare? E cca a schifiu finisci. E cca ora fazzu calari puru a mastrolindo e videmu poi cu si prisenta cu sa presunzioni di vincita vincitoria. Accura, caputrumma di stu blogghi, ca u cocciu a' littra di l'avvucatu miu è smusuratu e ciàvi puru aderenzi magistratichi e scassazionichi a tinchitè, e mara cu ci 'ngagghia. E non so se mi sono capito!

    RispondiElimina
  6. Risposta ai fantastici Gaetano e Giovanni " Tanì e Giuà".
    Andate a leggere il mio commento in merito alla famiglia Sceberras, forse da lì si può già avere idea della mia età e anche chi sono. Vi posso solo dire che sono andato via da Piazza per lavoro negli anni settanta.
    Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
  7. Giovanni Piazza17 ottobre 2013 15:08

    Manchi da quarant'anni, Filì. Una vita. Certo, casa è dove c'è famiglia e affetti e dignità economica, ma un pezzetto di cuore rimane, sempre e comunque, dove si è nati. Ecco, adesso che conosciamo nome ed età e maestro e compagni di scuola e quartiere, e felici, noi, che quel pezzetto di cuore sia ancora tenacemente legato alla nostra realtà, viene spontaneo, a questa realtà, chiedere a quel pezzetto di cuore... DI CU CI DICINU! E allura, Fulì, finiscila cu sti camurrìi ammucciatorii e fatti canusciri e ricanusciri. Alla faccia di quel disgraziato di garibaldi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuvà, ti l'appoggiu incondizionatamentissimamente ! Ma si po' sapiri di cu ci dicinu ! Si ccà cì è quachidunu ca po fari quiz, sugnu iu e non'autri visitatturi. Perdunque e pirciò levati la maschira e finnimula cu sti sgherzi. Cu è chissu ? Cu ssì ? Comi ti chiaminu ?

      Elimina
  8. Giovanni Piazza17 ottobre 2013 16:48

    Grazi di l'appoggiu scondizionatu, Tani, ca, sempri megghiu pricisari, trattasi di appoggiu teoricu e virtuali. Epperò avissi qualcosa di diri supra l'organizzata de' quizzi, Chiffà, la dicu? O spettu ca sciurisci la mennula e mbarruisce il vento? Ora ci penzu eppoi mi spiecu, va'. Cià.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuvà, attentu a comu ti movi, pirchì l'appoggiu ti pò viniri a mancari, e caddìri 'nterra nan ci vo nenti. Perdunque, nan diri nenti che ggià l'haiu compresu chi pensi di li quiz mei, speci quannu nan li 'ndovini o se l'indovini nan ti arriva lu premiu tantu desideratu ! Mutu e pippa !

      Elimina
  9. Molto interessanti le notizie che pubblichi sulle curiosità della nostra Città. Complimenti

    RispondiElimina
  10. Giovanni Piazza17 ottobre 2013 18:52

    Un po' meno soddisfacenti le notizie che pubblica su Filippo, ca ancora nun sapemu cu è.
    Epperò, caro anonimo e suprastante, ciài raggione da vendere. E se queste vendite tue sono parzialmente compensate dal nostro essere di parte, è 'nveci propriu questa partigianerìa che ci fa apprezzare il lavoro gaetanile. Uno sdilluvio di notizie e curiosità e strummuli vari che mi portano a considerare "ma unna è campato, iu, finu a ora?". E si qualcuni si ni nesci cu "e tutta sta pappardella p'associariti e' cumplimenta", ebbeni, iu ci dicu ca sta pappardella mia è unurata e cumpiaciuta. E si nun furra pi Lucia, puru sessuologgica. Arrivederci e grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E a mia nan resta che diri: "Pros'ta sia all'anonimu che a Giuanni. Grazzi assai a tutti e dui, ch' u S'gnruzzu v'accumpagni sempri cu tanta saluti !". Tanuzzu Masuzzu

      Elimina
    2. Giovanni Piazza17 ottobre 2013 20:46

      Sì sì, u Signuruzzu n'ava cumpagnari... ma di premiu nun si nni parra. Evvabbè, a Madunnuzza vidi e pruvvidi, e ccà mi fermu, ca basenò poi mi sbalanzu assà e la diligazioni siminarista mi struppìa. Bona sirata, Chiazza, e sempri sìa.

      Elimina
  11. avanti un quiz lo risolvo io si tratta di Filippo Novello

    RispondiElimina
  12. Giovanni Piazza18 ottobre 2013 12:40

    All'urtima! Cu era! Filippo Novello, il folgorato sulla via di Casaleggio. Ca nunn'è na cosa tinta, ah! Pirchì c'è cu ha statu folgoratu di Bossi, cu folgoratu di Berlusconi, cu di Di Pietru etccetra, etcetra, etcetra. E di tuttu stu sfolgoramentu ancora spittamu ca si facissi na vici di lustru. Vabbè, u tempu c'è, u friscu u fa, epperciò sicutamu. Grazie, anonimo, della gintilizza rivelatoria, puru si è ormai chiaru ca la probblematica è sulu spostata cchiù nn'avanti e ora ni resta sapiri cu si' tu. Cosa di spiarici a Fulippu, accussì fa scupa. Filiiiiiiipooooooo

    RispondiElimina
  13. Agli amici "Tanì e Giuà".
    Mi fa piacere essere il soggetto del quiz "Fulippu cuss'ì ?
    All'anonimo rispondo che non sono Filippo Novello, che peraltro non conosco.
    Ma cosa importa conoscere "di cu mi dicinu " a " camurria " è divertente ed ancor più se condita da un po' di "sbaddio" come sapete benissimo fare Voi.
    Complimenti ancora a Gaetano per il blog, per le sue dettagliate esposizioni frutto di minuziose ricerche che sicuramente comportano un impegno non da poco. Ogni volta che accendo il computer la prima visita è dedicata a questo blog.
    Un caloroso abbraccio a Giovanni Piazza che con la sua " parlatura" e con le divertenti ma precise divagazioni, coglie puntualmente al cuore dei sentimenti.
    Quando, e prima o poi lo farò, verrò a Piazza il quiz di cui sopra lo risolveremo assieme.
    Come sempre un cordiale saluto.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. SCUSA, POTREI SAPERE COSA SIGNIFICA IL TERMINE ''SBADDIO''?

      Elimina
    2. Il termine "sbaddìu" deriva da "sbàdu" che in galloitalico vuol dire "sballo, divertimento, spasso". Spiegazione presa dal vocabolario "Gallo-Italico=Italiano" del prof. Gioacchino FONTI, FIRENZE 1990.

      Elimina
  14. Giovanni Piazza20 ottobre 2013 19:14

    Tanì, tu ca si nfrascatu ammenzu i calannara e la cronistorica dacquantà, quann’è ca è primoppoi? Pirchì tannu dici Fulippu ca scinni. O acchiana, si riva di sutta. E se hai letto, semu puntu e a capu, pirchì Novello nunn’è. Epperò è uno con il coccio della littira e l’amurusu sensu e lu gnegneru prontu, visto ca arrinesci a capiri puru chiddu ca dicu iu. Ca, no pi vantàrimi, ma pi capiri a mmia ci nni vo’. E vistu ca è sempri troppu gentilissimu, sprumenta qualcosa pi quannu veni, ca nun ci putemu fari malafiura. Penzici tu, c’appoi appaciamu. Salutamu, Tanì. Cu l’aguriu ca la sorridenti camurrìa pozza assicutari a ttia, a mmia, a Fulippu d’unna sia e a l’intera cumpagnia. E sempri sia. Cià.
    p.s. ciau, Filì ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giovà, nan ci pinzamu chiù, quannu Fulippu veni veni. Però quannu veni ci pinzamu gniautri. Lascia ch' iddu veni ! Intantu iu mi pigghiu volentieri i complimenti, Fulippu o non Fulippu fannu sempri piaciri. Iu vi lasciu dicennuvi grazzi assai a tutti e dui pi bei momenti e pi li grandi risati chi maviti fattu fari. Giuà e Fuli grazzi da Tatà, tattaratattà Tatà !

      Elimina
  15. Ciao Gaetano.
    Nino Di Catania

    RispondiElimina