IL MIO LIBRO "CRONOLOGIA CIVILE ED ECCLESIASTICA..." del 2008 oggi anche su Ebook

lunedì 14 ottobre 2013

Oggetto misterioso n. 14

 

Mi sapreste dire a cosa serve o serviva questo oggetto che si trova murato nâ cantunèra da vìa Sant'Austìngh ?

26 commenti:

  1. Giovanni Piazza14 ottobre 2013 14:58

    Una meridiana, con l'asta segnatempo che si inseriva nel foro centrale. Sistema presto caduto in disuso perchè nella via Sant'Austìng non c'era mai il sole, e quindi apparecchio rimasto lì pi suletta di balcuni.

    RispondiElimina
  2. Giovanni Piazza14 ottobre 2013 14:59

    Ho vinto quaccheccòsa?

    RispondiElimina
  3. Giovanni Piazza14 ottobre 2013 15:13

    Riprovo: una presa di terra da muro per scaricare l'elettricità stitica di cavalli e affini.

    RispondiElimina
  4. Giovanni Piazza14 ottobre 2013 15:27

    E prima o poi ci 'ngagghiu: un portabandiera che, a seconda del colore esposto, serviva a indicare la presenza della regina a palazzo, o ca Pimpinedda era libbera.

    RispondiElimina
  5. Giovanni Piazza14 ottobre 2013 15:59

    Un agevolatore di nascite fascista, del periodo del "dare figli alla patria", e che serviva ad impedire alle donne di caminari muru muru.

    RispondiElimina
  6. E' un argano. All'interno vi era un cavo d'acciao che veniva teso dall'altra parte della strada per appendere le luci di Menzagosto. Il cavo veniva teso grazie ad una manovella che veniva inserita nel foro centrale. Dopo Menzagosto, al cavo veniva fissato un grosso amo da pesca così dal balcone, senza spostarsi, era possibile pescare Tonni, Pesci Spada e Pesci Martello. I Pesci Pinza e Scalpello erano più difficili da prendere!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Constato con piacere che non vi mancano nè la fantasia e nè u babbiù. A proposito del premio, come al solito, vi verrà recapitato e/o decapitato al Vostro onorevole domicilio subito dopo la vincita !

      Elimina
  7. In caso di vincita vorrei che il premio venisse consegnato direttamente al mio indirizzo di Via Botteghelle 12, angolo Stratonello, proprio all'ncrocio tra Chiano Barone e Chiano Balilla (se si viene dalla calata Collegio), altrimenti basta girare a destra per la Fratudda e fermarsi davanti al Chiano Terremoto !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I premi saranno recapitati 'mpuru a Gaddizz' o a Rabbuttanu entro le 24 h.!!!

      Elimina
  8. Credo fosse un argano per sollevare la tenda di qualche bottega, inserendo nel foro quadrato una manovella.
    Ho indovinato?
    Filippo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vista la vicinanza al cantone e quindi a una preesitente bottega, e lì ce ne sono state tante, io ve lo psso dire, potrebbe sembrare quello che tu dici, ma è un argano ancora più utile e utilizzato per tanti, non solo per quella bottega. Meditate gente, meditate !

      Elimina
  9. Mi ricordo che da bambino si giocava e ghaghi, ora Gaetano si è messo a giocare a indovina indovinello, ma picchi? ora nu dici d chi s tratta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'anonimo mi sembra di riconoscerlo dall'impazienza e dall'uso del "picchì". Te dittu spetta e smacin't u cervellu, ti lu dicu dumani mattinu prestu ! Però se stanotti pu pinzeru nan poi durmiri, ti lu dicu dumana siri !

      Elimina
  10. Giovanni Piazza14 ottobre 2013 21:06

    Ma arganu o arganettu? Pirchì si sbummica musicanza, allura po' ssiri u famusissimu trivulu di casa e spassu di vanedda, ca sirviva, a la squagghiata di l'acquazzina, a fari festa strati strati dopu la fini di la 'nvirnata e l'arrivu di la stasciuni. E ballansè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuà, tu stai vulannu troppu altu, vola all'altizza di sta terra, o quantu menu all'altuzza di li fari, abbaglianti o anabbaglianti, sempri fari sunu !

      Elimina
  11. un tirante per i muri?o solai?

    RispondiElimina
  12. Giovanni Piazza15 ottobre 2013 07:29

    Tanì, e lassami svulazziari comu mi pari e piaci! E chi mi voi cuntari, puru l'altizza di li fari? E chi... eh? Aaaaaaaaah! Ecco, era un faro, era. Si ci 'ntrummava na lampadina e si faciva lustru vaneddi vaneddi, quannu 'nchiudivanu putìi e putiari. E chista è giusta pi forza, va'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuà, oramai a da suffrì, a ranni soluzzioni l'avrai dumani per incisu, chissu ha statu decisu, da lu Gran Cusigghiu di sta redazzioni, e bbasta !!

      Elimina
  13. Giovanni Piazza15 ottobre 2013 08:38

    'Ncapu a cuscienzia, sti suffrizzi mìi t'ana a ristari! C'appoi, cu è stu 'ncisu ca ti custrinci a farlu dumani? Fàmmici parlari a mmia, ca ti lu versu pe' festi e pe' scunfesti. Vabbè, allura aju tempu pi circàrini quarchi autra. Mi va scuncentru, va'. Cià.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuà, ta a da cappìri che ncapu lu diariu miu ci sunu delle priurità: frat'Innoccienzu Biatu anna lu metti? I f'cuddìni unna li metti? I funtani e funtanelli unna li metti? Ma cridiri, u postu pi l'Uggettu mistirioso è dummani, dummani na riparlamu. Tu cerca di ripinsari e ripinsari che quasi quasi eri sulla bbona stratta ! Ma attinzioni: cu tutti sti aiuti che ti dugnu, poi stari friscu ch'u premiu nan ti lu dugnu!

      Elimina
  14. E' inutile sprecare tempo. E' un argano che serviva per tirare dei cavi e solo in certi casi per la pesca. Come il nostro redattore Capo saprà, una volta la via in oggetto era navigabile ed attraversata da un ramo del fiume Simeto, ricco di fauna e di barche che dalla Via Garibaldi scendevano verso il Pertuso della Castellina. Lì vi era un porto molto frequentato per il trasporto di fichi d'India, Nocciole, Mandorle, Arancini, Pizzette, Castagne secche e Lupini.

    RispondiElimina
  15. Giovanni Piazza15 ottobre 2013 09:30

    E capisciu funtani e funtaneddi, e puru frati Innocienzu. E pi l'antica micizia nun ti dicu mancu unna mentiri i ficudini. Epperò la dicisioni di la rivilazioni pi aoj era to'. E ora, nun sulu si' ritardivulu, ma mi dici ca nun mi tocca mancu premiu? Ma chista è malandrinerì di chidda malandrina. Ora fazzu ricursu eppoi vidi chi succedi. Cose turchi!

    RispondiElimina
  16. Tanì e Giuà siete troppo forti. E' bellissima la vostra sfida al suono di perspicaci battute dialettali.
    Mi manca proprio il sentir parlare il dialetto e voi mi riportate indietro negli anni quando "u cocciu a parola cuntava tantu".
    Complimenti a Gaetano per il bellissimo blog sempre interessante e aggiornato.
    Un sincero saluto a tutti.

    RispondiElimina
  17. Giovanni Piazza15 ottobre 2013 13:25

    Filì, ma a ttia di cu ti dìcinu? Sei chiazzisi di Chiazza strapuntatu al norde? Ca si senti la nostalgì di la cognomastica sicula ca t’assicuta? Mi fa pi daveru piaciri, procuràriti sti sansazioni di gradivulizza tirrituriali e paisana, cu la soddisfazioni soddisfatta ca sbummica dalle parole tue. Certu, si assi statu fimmina, m’assa piaciutu ancora chiossà, ma la vita è chista e n’ama cuntintari di chiddu ca ni passa u cunventu. Tanì, ha vistu chi cumplimenti n’ha fattu, Fulippu? Ha vistu ca a quarchi cosa servi macari tu? E allura, pròsita generali e abbrazzata cumulativa, cu tanti tantaguri a tutti chiddi ca stanu luntani di l’affettivitanza. Verrà, il giorno, ca quel disgraziato di garibaldi… vabbè, chistu è n’autru discursu. Ciau, chiazzisi. Ciau, siciliani. Pirchì la Sicilia è tripussenti maravigghia. Ricurdativillu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giomé, mi hai livatu li paroli e li pinzeri di... 'mbucca! Ma stu Fulippu ku è? Certu nan'è di cà, pirchì si lu fussi, a stura ci l'avissi dittu di ku ci dicunu e di ku lu cantanu ! Perciò Fulì, fatti avanti e non aviri paura, pirchì peggiu di mia "u bloggista"e di Giuanni "u giometricu" mi pari che non ci ni sia. Fulì, cussì?

      Elimina