LA CROCE GRECA MAI VISTA SUL MURO DELLA CHIESA DEI TEATINI

venerdì 4 ottobre 2013

Oggi la Polifonica a Butera



 
Oggi 4 ottobre per la festa di San Francesco d'Assisi, Patrono d'Italia, la Polifonica Armerina "Salvino Laurella" è stata invitata a esibirsi a Butera. Alle ore 19:00 durante la Santa Messa nella chiesa di San Francesco di quella Città, la Corale Polifonica animerà la liturgia. Gaetano Masuzzo/cronarmerina 

*Colgo l'occasione per ricordare che il 4 ottobre, festa di S. Francesco d'Assisi Patrono d'Italia, prima era vacanza, adesso che bisogna arrivare comunque a 210 giorni di lezione, se no ne va di mezzo la "preparazione" degli alunni, anche questa festa è passata di "moda". Però, se poi si perdono giorni di lezione per scioperi, gite (pardon: viaggi d'istruzione), mal di testa o nevralgie post discoteca e visite ai centri commerciali per acquisti irrinviabili, tutto è OK !!!


2 commenti:

  1. Pippo Di Giorgio6 ottobre 2013 19:32

    Grande esibizione della polifonica"S. Laurella" a Butera nella chiesa di S.Francesco. Il popolo buterese che ha assistito alla celebrazione eucaristica, entusiasta di aver ascoltato la corale,che oltre i numerosi applausi, hanno dato affermazioni di riconoscenza professionale e della passione individuale che ogni elemento del coro ha manifestato. Il parroco, il sindaco e tanti altri autorità locali, provinciali e regionali si sono complimentati con il Maestro Valter Mannella. Bravi! Ora vi aspetta Sua santità Papa Francesco! In occasione di questo possibile incontro ,si può organizzare una grande partecipazione di piazzesi a Roma! E vai!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Domenica ,molto impegnativa per la musica "piazzese"la banda musicale del maestro Luigi Ferrigno si è esibita a S.Cono assieme ad altre bande del circondario in occasione della sagra dei ficchi d'india vanto della piccola cittadina catanese.
    Senza volere fare "paralleli" irriverenti col commento precedente del ns Pippone armerino la banda,viceversa, si incontrerà "urgentemente"con il reparto enterologico del nosocomio locale ,per i motivi che tutti conosciamo, derivati dalle poche controindicazioni, che riserva l'assunzione smodata del simpatico frutto mediterraneo.

    RispondiElimina