COME AND VISIT http://www.cronarmerina.it/

martedì 12 febbraio 2013

Simbolo del Fascio a Piazza

Fascio scolpito su una famosa scalinata di Piazza*



Il Fascio Littorio nell’antica Roma era un simbolo del potere, dell’autorità giudiziaria e dell’unità del popolo. Consisteva in un’ascia avvolta in un fascio di verghe di betulla bianca, legate insieme da nastri di cuoio. I “littori” erano i funzionari al servizio dei magistrati che all’inizio si limitavano a scortarli, per difenderli appunto con le verghe, successivamente il loro compito si estese all'esecuzione delle pene corporali con le verghe e alle decapitazioni con l’ascia. In età regia si ponevano davanti al Re in numero di dodici, in età repubblicana scortavano i magistrati maggiori in numero corrispondente al rango. Solo il dittatore poteva portare le asce dentro la Roma sacra, in quanto all’interno della città non poteva applicarsi la pena di morte ai cittadini romani. Il simbolo venne poi adottato dal fascismo italiano che proprio da esso prese il nome. Dall'antica Roma il fascismo prese anche l’appellativo duce (capo militare) e il saluto romano che si faceva alzando il braccio.
*Anche Piazza durante il ventennio fascista, era piena di scritte e di fasci, che furono eliminati immediatamente dopo la fine del secondo coflitto mondiale nel 1945. Per esempio la firma "MUSSOLINI" fu tolta dalla frase Combattere e se occorre morire. E' il sangue che dà... sul monumento al Generale Cascino. La frase faceva parte del discorso che l'allora socialista-interventista Mussolini tenne a Parma nel 1914. Ma non tutto venne cancellato. Il fascio scolpito della foto in alto ne è la prova e se vi dico dove si trova, non ci credete !

5 commenti:

  1. il simbolo di preciso dove si trova

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su una scalinata di una chiesa, nei pressi del Gen. Cascino, riflettici un po'.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Proprio così. Sull'ultimo gradino in alto a dx della scalinata della chiesa di S. Pietro. Gaetano Masuzzo

      Elimina
  3. a proposito, perchè non restaurare e illuminare l'arco fascista posto all'ingresso della ex "COLONIA MONTANA" ? è sempre un pezzo di storia.

    RispondiElimina