ANGIOLETTO EX-VOTO PER S. FILIPPO D'AGIRA A PIAZZA ARMERINA

venerdì 22 febbraio 2013

Cu Marcu Tr'gona/1^ parte

Con la bella foto di Erminio Gattuso, le polemiche sul nuovo assetto in piazza Cattedrale, l'arrivo delle elezioni amministrative e la poesia del poeta in galloitalico Aldo Libertino, ho fatto un cocktail piazzese che Vi servo in quattro parti: "E' notte. Una notte serena d'estate, rischiarata dalla luna piena. Tutti dormono, uomini e bestie. Davanti alla statua di Marco Trigona, un ubriaco dà libero sfogo alle sue pene d'amore e, al tempo stesso, parla del triste destino di Piazza tradita dai suoi stessi figli."

1^ Parte de A tu p'rtu cu Marcu Tr'gona   

O Marcu, amicu mi,
Marcuzzu beu,
u söi ch' p' parrè cu tì
t'avéssa fè tant d' capèu!

Ma f'nì a barunia 
Viva a demograzia!
'Mburu s' u sangu è blu
U voscenza nan s' usa ciû!

Talè com sì 'mp'ttr'ddù!
Ora ch' nan hai ciù terri né palazzi,
è nutu ch' t' 'ncazzi
s' t' parr a tu p'rtu!  

U vëdi com sì r'dusgiù?
Baröi, marchësi e bedda compagnia 
sp'rìnu tutti... Unna su' ciù?
E tu sì sö, bannunà... com a mì!

E ddasc'lu st' marmént!
Scenn! Famm compagnia!
T'höia fè sent u mi turmént...
t'höia parrè dâ mi dulìa!

A vëdi sta buttëgghia?
É cössa a mi famìgghia!
Cu ièdda a vita è menu amara
e ada stè cu mi 'nzina ntâ bara!

Cu è ch' m' cunorta
s' 'ncorcosa m' va storta?
Quan ntô gargarozz scörr u vingh
m' scord e suvranî u m g'stìngh!

                                       Aldo Libertino

Nota biografica: "Aldo Libertino è nato a Piazza A. nel 1942, insegnante di Lingua francese in pensione, scrive poesie in vernacolo piazzese. Nei suoi versi c'è la consapevolezza della fugacità del tempo, la ricerca di conforto nella natura amica e il desiderio di riscatto della propria Città." (Libertino-Platania-Testa-Todaro P'nzeri e paroddi, 2^ antologia di galloitalico, Univ. Pop. T. Libero, Palermo., 2006, pp. 16, 22)
►Domani la 2^ parte.

Nessun commento:

Posta un commento