VISITA PER LE VIE DI PIAZZA ARMERINA DEL 20 MAGGIO 2018 GUIDATA DAL PROF. GAETANO MASUZZO

giovedì 7 febbraio 2013

1877 Carnevale del poeta Roccella

Peppe Nappa (maschera siciliana)


Ultimo giorno della festa, il poeta piazzese ci fa sapere come si vestivano per Carnevale i nostri antenati nel 1877


L’URT’M GIÖRN D’ CARR’VÈR

… E p’nzànu d’anneggh’ mascaràdi
v’stenn’s accuscì:
Brasi, Pul’c’nedda,
e s’ n’scì d’föra a cam’sgèdda,
ch’era nzunzàda
ddórda e caiàda
nû pataréu.
E non avenn nent p’ capèu,
s' fés mb'rr'ttìngh
cu döi pezzi d’ véggh’ mussulìngh.
E Mariu s’ v’stì Santiliporti*
p’gghiànn nî mài
na cuffétta cui förmi e cui gammai;
S’ mës na caièlla**
cu i g ömmi r’p’zzàdi
‘mpara d’ scarpi végghi
d’zzà e d’ ddà sfunnàdi.
E s’ mës ‘ncacciott senza fönn
ch’ davvèru parëa ‘mbava d’ cönn.***
‘Ntòni, ch’era ‘ngattà nfina nî zëgghi,
s’ fés caudarèr.
Vitu cu so mugghier
m’ntenn’s na rìsta° p’ cavégghi,
s’ v’stinu conzalèmmi.
E p’gghiann piatti rötti
p’gnatti, cannàti e nz’rötti,
m’nzalóri, muti e lemmi
p’sciaröi e taganétti,
n’incìnu a cöma quattr cavagnétti.
Dop, cû fum s' t'nz'nu i goti
striànn i mai nû cù d’ na p’gnatta,
e sautànn e tr’pànn, a quattr boti
s’ viànu nâ strata…

Remigio Roccella  - 1877 
(1819-1916)

*Cognome di un calzolaio, protagonista di un'altra poesia dell'autore; **Giubba; ***Uomo da nulla; °Copricapo erbaceo intrecciato. 

Gaetano Masuzzo/cronarmerina

4 commenti:

  1. prof., la parola arista cosa significa?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrebbe intendersi come treccia di appendici, più o meno lunghe, che avvolgono le piante erbacee. Quindi un copricapo molto semplice e contadinesco che usavano mettersi i lavoratori per ripararsi dal sole, quando giravano per le strade ad aggiustare i "lemmi". Almeno mi sembra! Gaetano M.

      Elimina
    2. Come puoi ben vedere ho subito aggiunto la spiegazione dopo la tua richiesta. In effetti nel vocabolario di G. Fonti il termine presente è "rèsta" = resta, treccia d'aglio o di fichi, ecc. pertanto ho dovuto fare qualche deduzione, spero felice. Gaet. Mas.

      Elimina
  2. grazie per la spiegazione,in effetti," na' resta d'agh'" mi è familiare

    RispondiElimina