COME AND VISIT http://www.cronarmerina.it/

lunedì 4 febbraio 2013

Carnevale di Tanino

Carnevale anni '60


Ho ricevuto da Tanino Platania questa poesia tratta dal suo libro “Pènz e di” che parla del carnevale a Piazza: “U Carr'vèr a Ciàzza”.

Il Carnevale a Piazza Armerina, prima del 1904 aveva la sua valenza carnascialesca, poi quando i fatti politici tra “casciniani e marescalchiani” degenerarono durante il carnevale di quell’anno, al punto da registrare dei morti tra i dimostranti mascherati, il carnevale a Piazza non ha trovato più quello spirito di una volta, anzi nel freddo febbraio le scuse sono belle e pronte: non abbiamo tradizioni, “non muvöma né testa e né panza” e, se qualcuno si dovesse adoperare nel tentativo di riportarlo in auge…

U CARR’VÈR A CIÀZZA

Tra i fèsti ciù beddi d’ l’ann,
u carr’vèr s’ r’campa zzà, frédd ognadann.

Còm sèmpr, non ggh’è r’zètt:
s’  fa o nan s’  fa  u sch’tt’cchiètt?

 cu vò cum’nzè,
ggh tagghianu i pè:

non avöma né stùdi né usànza
non muvöma né testa né panza

Cû Capùt(1) e cû Föntàna,(2)
ggh’era spàss p’ ‘na s’màna.

S’ aöi,  còm aöi, ggh’é ‘n Totò Abati,(3)
ch p’ Ciàzza s’ vò sbrazzè com a ‘n frà,

e ch’ vò ballè ‘mpùru cu ‘n pè,
p’rchì u carr’vèr ggh’ l’avöma scunzè?

U brìu unna vigna è?!

                                            Tanino Platania

1) Ernesto Caputo, poeta dialettale di allegra compagnia
2) Alfredo Fontana, si accompagnava spesso all’amico Caputo in spassose scenette. 
3) Salvatore Abate, cittadino  attivo nell’organizzare feste di quartiere.

Il Carnevale
Tra le feste più belle dell’anno,/ il Carnevale arriva “freddo” ogni anno,/ come sempre non c’è mai la sicurezza che si possa festeggiare./ (E  ci  si chiede) Si festeggia o non si festeggia?/ A quelli che vorrebbero festeggiarlo/
gli fanno perdere l’entusiasmo: /(dicendo: …Non abbiamo una tradizione…/…Perché  ballare?…Lasciamo perdere/
(In tempi passati) Con  Ernesto Caputo e con Alfredo Fontana,/ c’era allegria per una settimana./ Se, oggi come oggi, c’è un  Totò Abate,/ che per Piazza si prodiga/ e che vorrebbe ballare anche  su  un piede/ (mi chiedo) perché la festa del  “Carnevale”  gliela dobbiamo rovinare ?/ Il  brio… dove sta?


Nessun commento:

Posta un commento