LA CROCE GRECA MAI VISTA SUL MURO DELLA CHIESA DEI TEATINI

martedì 21 maggio 2013

U carrözz

U carrözz
Ed eccovi subito una foto d 'n carrözz che mi è stata inviata affettuosamente e celermente da un assiduo visitatore del blog. Era proprio così il mezzo di trasporto ludico tanto usato negli anni '60, e anche prima, per le strade di Piazza. Per l'uso erano indicate soprattutto le strade in discesa, e nella nostra Città, tutta in collina, non mancavano di certo e c'era l'imbarazzo della scelta: via Cavour, via Itria, via S. Stefano, via Castellina, via Roma, via Monte. Bastavano due tavole di legno, di cui una molto più larga, e tre cuscinetti (sempre difficili da reperire) e voilà il mezzo di locomozione bello da fare invidia. Le tecniche per montare sul bolide a spinta era due: a) da seduti, ma la guida tirando u rumaneddu come redini era alquanto difficoltosa, specie nelle curve ad alta velocità, ma, in cambio, dava la possibilità di "viaggiare" in due; b) da sdraiati, a pancia in giù, dove si potevano raggiungere facilmente le velocità da slittino su ghiaccio e anche il più vicino pronto soccorso cioè u sp'tàl Chiellu ! Perché, una volta partiti, il problema era come frenare a quella velocità in presenza di qualche ostacolo fermo, come 'na cantunera, o uno mobile, come u zìu cu scèccu ! Di solito per frenare si usavano i talloni per la prima tecnica, le punte dei piedi per la seconda, per la gioia dei calzolai ! Grazie all'amico che ci ha fatto rivivere l'ebbrezza di quella velocità incosciente. Gaetano Masuzzo/cronarmerina.blogspot.it   

1 commento:

  1. un posto per la "fornitura" a "quel prezzo" dei cuscinetti era la stazione ferroviaria ormai in abbandono almeno cosi' narra la leggenda...

    RispondiElimina