ANGIOLETTO EX-VOTO PER S. FILIPPO D'AGIRA A PIAZZA ARMERINA

giovedì 24 gennaio 2013

Le Botteghelle di Testa/II parte

Piano Botteghelle con giardino Umberto I sulla dx in alto, anni '30
*In basso a sx si nota, dove oggi c'è una pizzeria, tra le persone, un Federale in divisa nera fascista.



II parte

Zzà s’ barattàva, s’contàttava, s’dduiàva i giurnateri, facchì e bastasotti, a secönn’ l’occasiöngh’ e macari, e pr’chì no?! S’ cum’nàvnu ‘mpùru zz’ttàggi e matr’möni.
Rr’gord’… ch’ facciafrönt’, propria sötta dû bastiöngh’ dû DUILIU, i sbaffadi d’ f’cudini, a cincu ‘nsòrdu e succ’deva ‘mpuru ch’ quànn’ i cavagni er’nu ‘nquas’ smènzi: .
-“A FASGIÖMA NA MUZZIADA? QUANT’ GGH’AVÖMA DÈ…?!”
E l’aùtr: -“VA BÈNGH’ MENZA LIRA?”
-“MA CHI GGH’ F’RRÌA I PE’…?!  ‘NCA’ QUÁNN’ MAI…!!!”
-“SIDDU I VO’, GGH’ DASGIÖMA CINCU SOLDI, D’VERSAME’NT’ FASGIÖMA CÖNT’ CH’ NAN AVÉSS’MA PARRÁIT.”
P’ sbarazzèr’s’li, dop’ d’ fers’ ‘nculièr’ na v’céta, a la fingh’, u barom’ c’déva e, TAGGHIA CH’È RUSSA!!
E nan mpòrta s’ pöi ‘ncauchedungh’ s’ truvava ‘ntuppà!
E fugghiamèri chî sacchi cini d’ C’CORI, F’NUGGÈTTI E CARDÖI MAZZADI E BABALUCCI, AIRI, CRASTÖI, a döi, trè o quttr’soldi â mutura.
Nzöma “UN SEGNO PRECURSORE AI MODERNI SUPERMERCATI DI OGGI.”
E com’ nan r’gurdè a PUNAZZ? N òm senza dî gami; piazzà all’angulu cû ‘ncarr’ttinu unna ggh’avèa s’st’mait ‘na speci d’ “RUOTA DELLA FORTUNA”, ma nan söi pr’chì, v’nzéva sémpr’ ièu… !
Cû passè dû témp’, I BARRACCHI sp’rinu… com’ sp’rinu ‘mpuru i beddi SBAFFADI d’ F’CUDINI e tutt’ u rrest’d’ dd’ PUMÖNGH’ d’ vita, unna palp’tav’nu, fors’, I S’NT’MÉNTI CIÙ… VERI !!!


Traduzione:
Qui si barattava, si contattava, si affittavano i giornalieri, facchini e scaricatori, all’occorrenza e anche, e perché no?! Si combinavano anche fidanzamenti e matrimoni.
Ricordo… che di fronte, proprio sotto il bastione del Duilio, le abbuffate di fichidindia, a cinque un soldo e accadeva pure che, quando le ceste erano quasi a metà:
-“Le consideriamo un’unica cosa? Quanto le dobbiamo dare?!”
E l’altro: -"Ma che gli girano i piedi… ?! Ma quando mai…!!!”
-“Se li vuole, le diamo cinque soldi, diversamente facciamo conto di non averne parlato.”
Per sbarazzarseli, dopo essersi fatto pregare un po’, alla fine, l’uomo cedeva e, Taglia ch’è rossa!!
E non importa se poi qualcuno si trovava turato!
E i verdurai con i sacchi pieni di Cavoli, Finocchietti e Cardi a mazzetti e Lumachine, Chiocciole, Lumaconi, a due, tre o quattro soldi a mondello.
Insomma “Un segno precursore ai moderni supermercati di oggi.”
E come non ricordare a Punazzo? Un uomo senza gambe; piazzato all’angolo col carrettino dove aveva sistemato una specie di “Ruota della Fortuna”, ma non so perché, vinceva sempre lui…!
Col passare del tempo, Le Baracche sparirono come sparirono pure le belle abbuffate di fichidindia e tutto il resto del Polmone di vita, dove palpitavano, forse, I Sentimenti più… veri!!!





1 commento:

  1. Veramente questa poesia ci ha portato indietro alla nostra infanzia, e ancora oltre. Bella iniziativa proporre le poesie nel nostro dialetto di una volta e metterne anche la traduzione. Bravo Prof.

    RispondiElimina