LA CROCE GRECA MAI VISTA SUL MURO DELLA CHIESA DEI TEATINI

mercoledì 23 gennaio 2013

Le Botteghelle di Testa/I parte

Le Botteghelle, primi '900



Parlare dell'abbattimento nel 1848 della Porta di S. Giovanni Battista, esorta a riportare il brano del poeta Pino Testa ripreso dalla sua ultima opera "Sfanfùgghiuli" a pag. 115, dove ci ricorda l'attività frenetica che c'era in quel luogo ogni mattina, sino a qualche decennio fa.

Domani la II parte, ancora più colorita !



I barracchi dû Ciàngh’ î Buttièddi

I parte
Pr’ cui ha na certa età com’ ad’a mia, nan po nan r’guardè i BARRACCHI d’ lamièra dû CIÁNGH’ DÎ BUTTIÈDDI. Növ’ o désg’, crè. Unna s’ v’nnéva ungh’ d’ tutt’ a cum’nzè dâ v’rdura d’ l’òrti dâ RIANA DÎ CANAI: coi, agëi, aci, ‘nzaladi, zz’vöddi… ch’ ogn’ mattina v’néva scarriàda d’ l’urtulài e frutti nustrani a seconn’â stasgiöngh’.
Umöri, savöri, odöri, s’concafav’nu cû ciucciulìzz’ dî gént, i banniöi dî buttièri e u via vai d’ carretti e d’ n’mai e a pozza dû fumèr’ ch’ punzëva i naschi.
L’urtma BARRACCA ch’ cunf’nàva cû FÖNN’CH’, era cödda dû zzù TANUZZU MIRABELLA (frà dû nannu mater’n) u F’RRE’R’ câ forgia sèmpr’ ddumada e a castèdda chî stìgghi föra e sémpr’ pronti pâ nf’rratina dî scècchi, muli… taccàdi nâ ciancianèdda d’ ferr’.



Traduzione a beneficio degli stranieri:
“Per cui a una certa età come la mia, non si può non ricordare le Baracche di lamiera del Piano delle Botteghelle. Nove o dieci, credo. Dove si vendeva di tutto a cominciare dalla verdura degli orti della Riana dei Canali: cavoli, agiri (bietole), aci (sedani), insalate, cipolle… che ogni mattina veniva scaricata dagli ortolani e frutta nostrana a seconda la stagione.
Umori, sapori, odori, si confondevano col chiacchiericcio della gente, le grida dei bottegai e il via vai dei carretti e degli animali e la puzza del letame che pungeva le narici.
L’ultima Baracca che confinava col Fondaco, era quella di zio Tanino Mirabella (fratello del nonno materno) il Fabbro (ferraio) con la forgia sempre accesa e la cassetta degli attrezzi fuori e sempre pronto per ferrare gli asini, muli… legati nell’anello di ferro." 

Nessun commento:

Posta un commento