IL MIO LIBRO "CRONOLOGIA CIVILE ED ECCLESIASTICA..." del 2008 oggi anche su Ebook

martedì 29 gennaio 2013

La culovria di Testa, II parte




A b’v’raöra dâ Tacura (ultime tre strofe)

A sett’àubi o ad’â scurùa,
cavaucaùra stànca d’ss’ttàva,
dâ ciù puv’rèdda a cödda rr’naudùa,
e ad’â dduna, a facci ggh’ ddavàva.

Ma na mattina d’ tant’ témp fa,
SCIENZA NUSTRANA e polit’ca m’schina,
B’V’RAÖRA d’ centenaria età,
n’ fes’ prëia manch’ böna p’rasàgghia!

SULU A CULÒVRIA SCAMPÀ D’ STA… RRUÌNA!

“E d’ l’egua salutébu… ??”
UN LABILE RICORDO…
ch’ fa pözza d’… BENZINA…!!!
                                                   
                                                                   Pino Testa

  
Traduzione: "L'abbeveratoio della Taccura" (ultime tre strofe)
-All'alba o all'imbrunire,
cavalcatura stanca dissetava,
dalla più povera a quella superba,
e alla luna, la faccia le lavava.
-Ma una mattina di tanto tempo fa, 
Scienza Nostrana e politica meschina,
dell'abbeveratoio di centenaria età,
ne fece pietra neanche buona per brecciolino!
-Soltanto la Culovria scampò da questa rovina!
-"E dell'acqua salutare... ?"
Un labile ricordo...
che fa puzza di... benzina...!!!





Nessun commento:

Posta un commento