ANGIOLETTO EX-VOTO PER S. FILIPPO D'AGIRA A PIAZZA ARMERINA

giovedì 15 agosto 2013

Lancia in resta

Particolare del Palio vinto dal quartiere Castellina nel 2007

Sono le parole rivolte da un cavaliere al suo cavallo nel momento in cui sta per spronarlo contro il Saraceno. Nello spasimo del momento, tutte le energie sono raccolte, la tensione è al massimo, eppure il pensiero dominante del cavaliere, simbolo del Ciaccës di sempre, è quello di poter essere degno figlio di Maria e cittadino onesto, in ogni prova della vita.

Avanti… lancia in resta !

Giugiù…strönfi…zappï
t’ vé ch si smaniös…
u söi qual è camòra u to d’sï
ma söi purànchi ch’ si giud’ziös…!

U sö è nch’rch’rìddu…
suóma tutti döi nzìna ntê naschi…
oh quant è dözza l’égua dû Capìddu
b’vùa a b’v’rôngh sötta dî fraschi!

Ma aói è festa ranna, festa d’ d’vuziöngh,
sf’làda dî quartèri e cunf’siöngh,
dami, fanti, nutabuli ‘mbardàdi…
e quant gent a munzèu viàdi!

Tu u védi d’ dduntàngh u Saracìngh…!?
U védi…? Cö è mpùpu ch’ f’rrëa!
U Saracìngh ormài nan è ciù ièu…
ma tanti ch’hanu u cor com ô féu!

A cösti öma fè cad a ungh a ungh…
cu a scusa ch’ t’röma ô Saracìngh…!
Adaccuscì v’nzöma agn r’sìa
e simu ndégni figghi d’ Maria!

Chi su l’armìggi, a lancia o mpùr a mazza
ch’ fanu véd l’amör pâ nostra Ciazza...!?
Nan’ s’ r’dùsg ô  giö d’ menzaöst
unna z’rcöma a forza u prìm post!

Cert l’haia capùt u mi dìscörs…
cu tutt ch’ si cavàu e iè patröngh…!
U paliu nostr hada ess na prièra…
na scampaniàda ddönga,forta e vera!

Eccu… sòn’nu i trömmi!
‘Ncavëzza a tamur’niàda ncav â rocca !
Ggh’ sìmu…a gniàutri tocca…
Lancia in resta…s’ sent…!

Giugiù vulöma fort com ô vént…
L’haia capùt chi è p’ gniàutri a festa:
a val’ntézza véngh d’ ntô cor…
e dura tutta a vita u so calör !

Lucia Todaro

4 commenti:

  1. E' vera poesia racchiude. Tutto. Racchiude, lo spirito del Palio, racchiude un'identità storica e culturale che ci appartiene ma che, purtroppo, spesso dimentichiamo.
    Non parlo il vernacolo, ma lo comprendo. E' vero, il dialetto esprime i sentimenti più veri e più intimi. Bravissima Lucia Todaro. Sicuramente questa è una delle poesie più belle e sentite.
    Giovanni Santangelo.

    RispondiElimina
  2. brava la professoressa Lucia Todaro ci fa entrare nel vivere e sentire il palio come se fossimo noi a combatterlo per vincerlo.

    RispondiElimina
  3. Lucia continua a scrivere e pubblicare poesie in dialetto ,sei bravissima mi emozionano molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continua a seguire il blog perché ce ne saranno sempre di più belle, che ci faranno scoprire il nostro passato per costruire il nostro fututo ancora meglio.

      Elimina