LA CROCE GRECA MAI VISTA SUL MURO DELLA CHIESA DEI TEATINI

sabato 3 agosto 2013

Il Palio di una volta / 2

I tamburri al Campo Sant'Ippolito


Ho appena ricevuto questa poesia in siciliano da un amico e compagno di scuola che Vi propongo immediatamente insieme ad altre foto del "Palio di una volta" (anni '60)

Pi Chiazza e pi Maria

(la storia di lu Paliu e Chiazza so')

I di XIX
"Magistratu di tutti li quarteri,
trasemu, 'mpari, ma di chi si tratta ?
Quanti custumi, tutti ssi banneri,
ma ancora ci sarà cu si l'accatta ?
Ma s'un c'è festa senza tammurinu,
d'annata sana cca, sa' chi casinu.
II
Talìa ddu Paliu dda, tra seggia e seggia,
anticu assai, chi rappresenta, mpari ?"
E Chiazza arrispunnìu: Tu testa leggia,
tu di chiazzisi ca lu poi cantari
lu guardi sulu quannu svintulìa
e scanusci la storia to' ch'è mmia. 
III
Sallu ca nta stu Paliu su' nchiuvati
mill'anni di sintenzi e di spiranzi
di gioi e di duluri accutturati
e di gloria e di sangu e di suttanzi,
mill'anni ca di mia nòbbili Chiazza
ognunu mi l'annacu nta li brazza. (continua)

Giòmetrico 
("Giovanni Piazza che ama la metrica": http://giometrico.it)

*Domani un'altra foto con altre 3 strofe.

Nessun commento:

Posta un commento