LA CROCE GRECA MAI VISTA SUL MURO DELLA CHIESA DEI TEATINI

giovedì 8 agosto 2013

A forestera

7 agosto 2013, ore 20:00

A FORESTERA, in occasione della solita rimpatriata annuale con gli amici paesani, prima della pizza, ci legge i suoi sentimenti scusandosi della non perfetta trascrizione in piazzese antico-moderno. 

Ma dato che quello che conta è il pensiero... ugualmente le diciamo un grosso GRAZIE. 

 

A P'ZZADA DI FORESTERI

A fajoma tutti l'anni, com 'nsegnal d r'conoscenza,
quasi d'affettu p coddi ch' tanti anni fa s' n' vossnu annè
fora d Ciazza pu b'sogn d travagghiu c'rchè!
E p' coss, cu na parodda nan tant s'mpat'ca,
i chiamoma "FORESTERI".

Ma gghiè na cosa da sutt'l'nier:
sti FORESTERI, tutti l'ann
e quarch'dun ciù e ciù d na vota l'ann
torn'nu o m'ttent,
com a vulè scusa dumannè
o pais d'avirlu bannunè!

Accussì, pi chiù fortunadi, 
no mis d giugnett, aost p l'autri,
a storia s r'pet... sempr codda... sempr a stissa!
Appena cumenzn a r'sp'rè a
BEDD'ARIA FRISCA DA B'DDIA
ch gh stuzz'ca l'oggi e a fantasia,

u cor gh canta p l'emozion, 
pur s'a bocca resta muta,
sti foresteri tornan 
d'arrera n' l'anni da bedda gioventù,
quann d'jevan 
"IU, D CIAZZA, NON ME NE ANDRÒ MAI PIÙ!"

Poi i vacanzi f'nisc'nu e pi foresteri riva u jornu d'annessn via.
S'hanna lascè d'arrera i spaddi a sol'ta
BEDDA ARIA FRISCA DA B'DDIA.
Stavota però a mus'ca cangia.
U cor n'an canta ciù... 
l'oggi nan rid'nu ciù,

anzi s'annebbianu p l'emozion...
e i paroddi, nan sempr ditti,
p nan fè capì a cu t sta statu o sciancu u to rammarcu,
ch magari nan gh crid ch'è veru,
nan su ciù i stissi d tanti anni fa !

E sì... i paroddi cang'nu.
E qual' su?
"IU, CIAZZA, NAN MU POZZ SCURDÈ CIÙ!"


A "forestera" ROSALBA TERMINI 

Gaetano Masuzzo/cronarmerina

   

4 commenti:

  1. non ce´offesa piu´grande che si possa fare a noi che per bisogno abbiamo dovuto lasciare Piazza che sentirsi dire :" U Furster, u Tedescu, u Blgis ec. ec....." in verità´vi posso assicurare che siamo piu´piazzesi noi nell unghia del dito piccolo che molti Piazzesi in tutto il corpo......
    F.Cali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione, ma prima, e forse ancora oggi, era così. Mi ricordo che da piccolo quando venivano i parenti da lontano si diceva proprio in questo modo.

      Elimina
    2. Bravo Franco, hai detto bene!

      Elimina
  2. Per puro caso ho conosciuto l'autrice di questi magnifici versi, devo ammettere che, da non piazzese autoctona, (ma ci vivo oramai da parecchio), mi ha emozionata! Brava, complimenti! Lidia Salafrica Curcuraci

    RispondiElimina