LA CROCE GRECA MAI VISTA SUL MURO DELLA CHIESA DEI TEATINI

venerdì 6 settembre 2013

Fontana Altacura / n. 12

Oggi

Ieri

Forse dopo quella dei Canali la fontana ALTACURA (Tacura, Taccura, Tachura) è la più bella, anche per la storia che ha. Infatti, è tutto ciò che è rimasto della fontana con la grande vasca, con dentro la scultura della culovria, che fasgéva r'criè ömbri e armàu. Purtroppo non è tanto valorizzata perché sempre nascosta da auto posteggiate lì davanti. Ecco qui sotto come ne parla con gran rammarico il nostro poeta in gallo-italico Pino Testa:

 

A B'VRAÖRA DÂ TACURA...


... Avè a saver ch' nû ciangh dâ Tacura
ggh'era na b'v'raöra centenaria:
égua d' böggh, muddàcchia ma s'cùra,
égua curabu pì rëni e l'urt'cària.

Un ottagono d' prëia travagghiàda
dî meggh scarp'llìni ch'avéa Ciazza.
D' prëia bianca, Culòvria cuffulàda
ggh' svum'càva l'égua ch'a t'nëva 'mbràzza.

A sett'aubi o ad â scurùa,
cavaucaùra stanca d'ss'ttàva,
dâ ciù puv'rèdda a cödda rr'naudùa,
e ad a dduna a facci ggh' ddavàva.

Ma na mattìna d' tant temp fa,
scienza nustràna e polit'ca m'schina,
dâ b'v'raöra d' centenaria età,
n' fés prëia manch' bóna p' rasagghia !

Sulu a Culovria scampà d' sta ruina !
... e d' l'égua salutèbu ?
Un labile ricordo... ch' fa pözza d' benzina !!

P'nuzzu Testa
 

9 commenti:

  1. Giovanni Piazza7 settembre 2013 09:12

    Ch'è bedda, la funtara d'a Tacura
    e bedda, dda culovria ca è sarvata
    e mastru, Pinu Testa ca la canta.
    Ma la biddizza, già si sa', nun dura
    eccu pirchì, pi d'ogni cosa amata
    la ricurdanza appoi diventa santa.

    RispondiElimina
  2. si vede che i saraceni sono passati di qua.non si fa altro che distruggere tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace contraddirti, ma ci fossero rimasti, come dici tu, i Saraceni o gli Arabi in generale, da questo punto di vista saremmo stati tutelati e non sarebbero scomparse centinaia e centinaia di sorgenti. Gli Arabi, infatti, avevano per l'acqua una particolare attenzione, probabilmente perchè avendone poca dalle loro parti, ne conoscevano il valore. Furono appunto gli Arabi a introdurre in Sicilia la pratica irrigua, rivelandosi oltre che abili agricoltori, abilissimi ingegneri idraulici. Loro sapevano canalizzare l'acqua sopra e sotto il livello del terreno limitando l'erosione del suolo e l'evaporazione. Altoché Saraceni, siamo stati noi, nuovi, inétti e superficiali Barbari.

      Elimina
    2. Giovanni Piazza8 settembre 2013 19:10

      Ma noi chi? Ma se sotto i Borbone le opere di ingegneria idraulica e di difesa del territorio erano all'avanguardia! Certo, c'era un certo fermento in Sicilia, che inseguiva l'indipendenza, ma la questione meridionale, e la conseguente miseria e migrazione, sbummica solo con la rapina savoiarda, che occupa e depreda e distrugge e colonizza. Cosicchè, privato dei capitali e reso schiavo, il Sud non potè portare a termine quella conversione industriale che già lo poneva all'avanguardia, in Europa e nel mondo. Perchè prima che quel disgraziato di garibaldi desse inizio all'infame progetto di vittorio e di cavour, erano gli europei e gli italiani del nord, ad emigrare da noi. Ma pensa tu, persino gli svizzeri, scendevano per motivi economici e di sicurezza e per la bellezza dei territori. E persino la mafia, a detta del giudice Livatino e di molti storici, fu un gentile regalo di sua graziosa maestà savojardigna. E allora, caro Gaetano carissimo, diamo a Cesare ciò che è di Cesare, assegnando la qualifica barbarica ai maledetti savoja ed alla loro sporca guerra di conquista. Alla faccia di quel disgraziato di garibaldi!
      p.s. i minuscoli sono voluti e altamente spregiativi.

      Elimina
    3. Giovà, io parlo dei moderni Barbari, non di quelli di 150 anni fa. I Barbari che sono tra noi che non riescono neanche a tenere pulito l'uscio di casa, o le fontane delle proprie piazze e piazzette, che non riescono a posteggiare in un'unica fila, a scorazzare per le vie come se fossero in un circuito, etc. etc. Questa è colpa di garibaldi ? (con la g minuscola)

      Elimina
  3. Giovanni Piazza8 settembre 2013 21:55

    Ebbene sì, caro Tanino carissimo. Se la maggiore civiltà ha necessità di un livello economico elevato e se la miseria ha come conseguenza l’imbarbarimento, la colpa è allora di garibaldi e dei savoia e di cavour. «I meridionali non dovranno mai essere più in grado di intraprendere» disse il Governatore della Banca d’Italia Carlo Bombrini, mentre smantellavano le eccellenze del sud e portavano il malloppo al nord. E come avremmo potuto crescere, senza fondi e senza infrastrutture? E come avremmo potuto crescere, se anche i nostri politici si vendettero, e continuano a vendersi, ai vincitori? Adesso si sta prendendo coscienza di ciò che avvenne grazie alla marea di ricerche e notizie e testimonianze. Anche se è altrettanto chiaro, epperò, che con la nostra splendida autonomia, ben altro avremmo potuto, noi siciliani.
    Una autonomia mai attuata, un altro delitto della democrazia cristiana.
    .
    In memoria di una autonomia conquistata col sangue
    e vilmente svenduta da una fauna politica e culturale
    tiepida ed acquiescente.
    .
    Sicula siculorum pi pani e libertà
    (acrostico in doppio sonetto)
    .
    Sicilia
    I
    Isula tripussenti maravigghi
    China di assai biddizzi a centu a centu,
    Unica, ca pi d’unna pigghi pigghi
    Làpisi nun ci potti senza abbentu
    .
    Accussì ginirusa pe' so’ figghi
    Senza mai dumannari asservimentu,
    Iardinu di ginestri, rosi e gigghi
    Ca issenzia l’aria e pròdiga a lu ventu
    .
    Unguentu cataplasima divinu
    Lassatu nta sta terra in pianta stàbbili,
    Omaggiu strabilianti e sopraffinu
    .
    Ratapuntatu e racamatu a manu
    Unna scontri putenzi formidàbbili,
    Mara però si scontri un sicilianu.
    II
    Pirchì sti tripussenti maravigghi
    Iunciuti a ssi biddizzi a centu a centu
    Pi dirittu do sangu de’ so’ figghi
    Ancora sunnu sutta tradimentu
    .
    Nun già di l’oppressura, ca si pigghi
    Iunti di storia, è sempri asservimentu
    Eternu, ma a tradiri rosi e gigghi
    L’ùnici tradituri a stu mumentu,
    .
    Interamenti, semu i siculioti,
    Breccia d’antichi vespri e lotti armati
    E di gloria e di sangu, a dari voti
    .
    Rialati a genti ch’ha scurdatu già
    Tutti ddi figghi so’ morti scannati
    Assicutannu pani e libertà.
    Un siciliano
    (giovanni piazza)

    RispondiElimina
  4. Giovanni Piazza8 settembre 2013 22:31

    Ebbene sì, caro Tanino carissimo. Se la maggiore civiltà ha necessità di un livello economico elevato e se la miseria ha come conseguenza l’imbarbarimento, la colpa è allora di garibaldi e dei savoia e di cavour. «I meridionali non dovranno mai essere più in grado di intraprendere» disse il Governatore della Banca d’Italia Carlo Bombrini, mentre smantellavano le eccellenze del sud e portavano il malloppo al nord. E come avremmo potuto crescere, senza fondi e senza infrastrutture? E come avremmo potuto crescere, se anche i nostri politici si vendettero, e continuano a vendersi, ai vincitori? Adesso si sta prendendo coscienza di ciò che avvenne grazie alla marea di ricerche e notizie e testimonianze. Anche se è altrettanto chiaro, epperò, che con la nostra splendida autonomia, ben altro avremmo potuto, noi siciliani.
    Una autonomia mai attuata, un altro delitto della democrazia cristiana.
    .
    In memoria di una autonomia conquistata col sangue
    e vilmente svenduta da una fauna politica e culturale
    tiepida ed acquiescente.
    .
    Sicula siculorum pi pani e libertà
    (acrostico in doppio sonetto)
    .
    Sicilia
    I
    Isula tripussenti maravigghi
    China di assai biddizzi a centu a centu,
    Unica, ca pi d’unna pigghi pigghi
    Làpisi nun ci potti senza abbentu
    .
    Accussì ginirusa pe' so’ figghi
    Senza mai dumannari asservimentu,
    Iardinu di ginestri, rosi e gigghi
    Ca issenzia l’aria e pròdiga a lu ventu
    .
    Unguentu cataplasima divinu
    Lassatu nta sta terra in pianta stàbbili,
    Omaggiu strabilianti e sopraffinu
    .
    Ratapuntatu e racamatu a manu
    Unna scontri putenzi formidàbbili,
    Mara però si scontri un sicilianu.
    II
    Pirchì sti tripussenti maravigghi
    Iunciuti a ssi biddizzi a centu a centu
    Pi dirittu do sangu de’ so’ figghi
    Ancora sunnu sutta tradimentu
    .
    Nun già di l’oppressura, ca si pigghi
    Iunti di storia, è sempri asservimentu
    Eternu, ma a tradiri rosi e gigghi
    L’ùnici tradituri a stu mumentu,
    .
    Interamenti, semu i siculioti,
    Breccia d’antichi vespri e lotti armati
    E di gloria e di sangu, a dari voti
    .
    Rialati a genti ch’ha scurdatu già
    Tutti ddi figghi so’ morti scannati
    Assicutannu pani e libertà.
    Un siciliano
    (giovanni piazza)

    RispondiElimina
  5. Ciao Gaetano sono silvio e vorrei sapere (se non hai parlato) della fontana e la bvratura?
    di Castellina,esiste ancora ? o qualcosa è scomparsa. saltoni silvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci avevo pensato anch'io. Purtroppo è completamente scomparsa, non esiste più. Ciao

      Elimina