ANGIOLETTO EX-VOTO PER S. FILIPPO D'AGIRA A PIAZZA ARMERINA

domenica 1 settembre 2013

Famiglia Rizzo

Partito: al capo d'argento al riccio (porcospino) al naturale; in punta d'argento a tre fasce di nero

La famiglia Riccio (alias Rizzo, Rizo, Rizio, Ritio, Ricio) originaria di Napoli, passa in Sicilia nel XIII secolo. Infatti, nel 1282 Giovanni Riccio è tra i 101 nobili o militi di Placia. Nel 1445 Tommaso e Giovanni de Ricio sono giurati; nel 1459 Giovanni rappresenta la Città al Parlamento di Palermo e nel 1491 fa costruire, a sue spese, una cappella accanto alla chiesa di S. Domenico (oggi Seminario Vescovile), dedicata a S. Anna. 1520 Filippo Riccio dona tutti i suoi beni alla chiesa di S. Domenico. 1637 Paolo Rizzo è frate Teatino. 1681 Girolama Rizzo-Ficarra, sposata Barrera, acquista il feudo di Montagna di Marzo. 1698 Girolamo Riccio è padre Gesuita docente nel Collegio di Platia e lo stesso incarico lo assume nel 1763 Simone Rizzo. 1844 Rizzo (o Rizza) è Padre Francescano Conventuale presso il convento di S. Francesco al Monte (poi Ospedale Chiello). 1861 Liborio Rizzo-Rinaldi è consigliere comunale. 1879/1882 l'avvocato Giovanni Rizzo fa parte della Giunta del sindaco Benedetto La Vaccara e nel 1890 e 1903 è consigliere comunale. 1882/1889 Antonino Rizzo è consigliere comunale. Gaetano Masuzzo/cronarmerina    

2 commenti:

  1. Perchè via Rizzo à Piazza Armerina

    RispondiElimina
  2. Oltre alla via Rizzo (dalla via Monte alla via Misericordia) c'è anche un cortile Rizzo, nella via Giovanni Verga, ai Canali. Probabilmente in ricordo degli ultimi amministratori comunali a cavallo dell'Ottocento e del Novecento.

    RispondiElimina