NEL CERCHIETTO GIALLO I RESTI DEL MURO SUD DEL CASTELLO DI PLACIA

domenica 22 settembre 2013

Famiglia Sanfilippo

Di celeste al leone coronato d'oro. Sul tutto una banda di rosso
Il cognome la famiglia Sanfilippo lo prende quando nel 1316 l'antenato spagnolo-valenziano, Velasquez de Mena, ottiene la castellanìa di S. Filippo d'Argirò (oggi Agira) da re Federico I d'Aragona, e successivamente un altro discendente, Ilisoldo, ottiene nel 1344, la stessa castellanìa da re Ludovico I di Sicilia. I primi componenti di questa famiglia a Platie li abbiamo nello stesso periodo (1282) di Velasquez, con i nobili militi Oberto e Bonsignorio de Sancto Philippo. 1482 il domenicano Antonio Sanfilippo è giureconsulto e collettore dei diritti della Sede apostolica in Sicilia. Nel 1461 è stato cappellano nella Camera Reginale di re Giovanni II d'Aragona e I di Sicilia; nel 1478 ritorna nel Convento di Plaza e lì muore nel 1495. 1520 la famiglia Sanfilippo risulta iscritta alla Mastra Nobile della Città. 1553 Giovanni Domenico de Sanfilippo è giurato. 1555 Antonino e Marsioni Sanfilippo sono giurati tra coloro che firmano i "capitoli di pace" tra la fazione degli Aguglia, alla quale loro appartengono insieme ai Trigona, e quella degli Assaro e i Lo Bosco. 1621 Desiderio Sanfilippo è barone di Sortavilla (frazione di Imbaccari Soprano) e giurato. Nel 1625 acquista i feudi di Canzaria, Monte Navone e Ciappa. Sposa Olimpia Gaffori e ne riscatta nel 1634 il feudo di Grotte (Ag). Nel 1638 effettua un prestito di 5.600 onze ai Giurati della Città per acquistare grano da distribuire al popolo. Nel 1648 acquista il titolo di Duca e lo posa sul suo feudo di Grotte, diventando il più alto rappresentante della nobiltà piazzese (si ricorda che la città di Piazza ebbe soltanto due nobili con questo titolo, l'altro è Vespasiano Trigona duca di Misterbianco). Il Duca istituisce nella Città varie opere pie, è Cavaliere Ospedaliere di Malta e favorisce le Accademie piazzesi lasciando molti beni al Collegio degli Studi dei Gesuiti. Nel 1650 costruisce il suo palazzo di via Vitt. Emanuele 19 (di fronte l'odierna farmacia Gurreri). Quando muore si fa seppellire nella II cappella a sx della chiesa di S.Pietro, costruita dal padre Giovanni Tommaso (1563-1621) ivi sepolto. 1624 suor Caterina Sanfilippo è superiora del Ritiro di S. Anna e nel 1638, con le suore Giulia e Antonia Sanfilippo, madre e figlia, presentano, insieme ad altre tre suore appartenenti al patriziato piazzese, la necessaria documentazione affinché il ritiro muti in un Monastero. Mutazione in monastero di Agostiniane che avviene quattro anni più tardi, nel 1642. 1630 ca. Domitilla Sanfilippo è vedova di Giacinto Jaci e la figlia, Pelagia, sposa nel 1633 Diego Platamone barone di Pòjura. 1666 Tommaso Sanfilippo è II duca di Grotte e barone di Imbaccari Soprano e Canzaria, cavaliere dell'Alcantara, governatore del Monte di Pietà di Palermo nel 1698. Nel 1692 la figlia di Tommaso, Ippolita, si sposa con Vincenzo La Grua-Talamanca principe di Carini. 1693 ca. Beatrice de Sanfilippo lascia una rendita alla Chiesa Madre, nonché Duomo e oggi Cattedrale, per il mantenimento di un canonico. Di questa famiglia abbiamo stemmi soltanto nella chiesa di S. Pietro, il Pantheon della Città. I due stemmi sono posti sull'arco e sul sarcofago di dx della II cappella a sx della chiesa. Gaetano Masuzzo/cronarmerina 

10 commenti:

  1. mi nombre es jorge Sanfilippo, escribo desde Argentina, mi bisabuelo nació allí, en Piazza Armerina, estoy tratando de obtener información ya que me gustaría conocer mis origenes,tengo algunos documentos de el,si hay algun Sanfilippo por ahi le agradeceria informacion , gracias

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Obtener un poco de información de sus documentos, quién sabe si encontramos algo. Vamos a intentarlo. ¡Hola

      Elimina
  2. hola, tengo algunos documentos de mi bisabuelo, pero no da demasiada informacion, en cuanto me pueda volver a reunir con dichos documentos ,tal vez pueda conseguir informacion, se que el vino con su padre , pero no se si dejo algun hermano alli,vinieron a principios de siglo cuando termino su servicio militar,gracias por su respuesta

    RispondiElimina
  3. Bueno, a continuación, en la próxima reunión en Piazza Armerina. Hola, dondequiera que estés. Para escribir estoy sirviendo traductor de Google, así que lo siento por mis errores.

    RispondiElimina
  4. como puedo hacerte llegar los datos de mi bisabuelo para saber si tengo algun pariente en piazza armerina aun, he encontrado el passaporto y otro documento que se llama conccedo,
    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mientras tanto, me envía los datos de pasaporte y los de licencia militar, y luego ya veremos.Puede utilizar este sistema de comentarios.Estoy pensando que yo podría hacer una entrada en el blog, para ver si aparece alguna de sus familiares. Para que necesitaría una foto del pasaporte, en su caso.

      Elimina
    2. se mi hai dato un indirizzo email o una pagina in cui è possibile caricare una copia di questi documenti, digli che io vivo a Buenos Aires, Argentina, veramente appassionato l'idea di concordate mie radici, ho voluto molto alla mia bisnono, mi ha sempre aveva le cose nella loro città, come aveva fatto numerose fontane

      Elimina
    3. Jorge, la mia e-mail è gaetano.masuzzo@teletu.it. Ciao

      Elimina

  5. Gaetano Grazie per l'attenzione , prontamente e-mail di inviare il mio bisnono dati , la sua figlia Maria Sanfilippo di 94 anni , domani vedrò di farmi vedere i documenti , Ciao

    RispondiElimina
  6. la mia email e jorgesanfelippo@gmail.com

    RispondiElimina