LA CROCE GRECA MAI VISTA SUL MURO DELLA CHIESA DEI TEATINI

domenica 7 dicembre 2014

Edicola n. 5


Edicola Votiva Piazzetta Fundrò

Ve l'avevo detto che non tutte le edicole di questo, diciamo, censimento sarebbero state in ottimo stato, e questa ne è un esempio. Pur essendo in una zona centralissima, si può dire nel cuore della città, quello di Santa Rosalia che veramente "pulsava" sino a qualche decennio fa, è ridotta così male che non la volevo neanche fotografare. Invece, mi è sembrato onesto proporvela come esempio di scelleratezza e superficialità come tanti nella nostra comunità. Ne cito qualcuno tanto per "assaggiare": l'ex Istituto Magistrale nonché ex Convento di S. Chiara, il complesso dei Teatini con chiesa e Casa, la chiesa di Sant'Anna, quella di S. Vincenzo, il Cinema Ariston e, per finire in bellezza, il complesso di S. Maria di Gesù, visto che al Chiostro di S. Pietro proprio in questi giorni ci si sta mettendo mano (speriamo bene!). Ritornando alla nostra edicola, si trova dietro la chiesa di S. Rocco dal 1622 chiamata anche di Fundrò*. Situata nella parte alta di una sorta di semi-cilindro col tetto in ciaramìtte (tegole in terracotta) nella Piazzetta Fundrò, doveva essere dedicata alla Madonna, ma non è sicuro se non si trova qualche foto precedente. Prima di diventare ricettacolo per cassonetti dell'immondizia, sino agli anni 40/50 sulla dx esiteva un vespasiano, a Piazza meglio conosciuto come p'sciarö (orinatoio). Infatti, non era raro sentir dire: "s' t' scànti t' n' poi anné darrèra Fun'rò!". Un'idea: tra le tante novene che verranno installate per Natale prossimo di qua e di là, se ne potrebbe fare una piccola, basta il pensiero, anche qui, per ridarle una sembianza di "Edicola Votiva" per rispetto e in ricordo degli abitanti che transitavano e abitavano lì vicino, che vi assicuro erano migliaia. Gaetano Masuzzo/cronarmerina

*Per leggere altre notizie su Fundrò cliccare sulla foto delle "Ricerche Storiche" e cercare gli 8 post dal 9 ottobre al 26 ottobre 2013. 

9 commenti:

  1. I vespasiani furono tolti alla fine degli anni 50 e infatti per agevolare i numerosi utenti fu realizzato quello lì vicino sotto la piazzetta. Tolto il vespasiano fu costruito un gazebo in muratura e dato in uso ad un commerciante di formaggi.

    RispondiElimina
  2. FACOLTA' di SCIENZE della DISTRUZIONE dei BENI CULTURALI
    (Sede speciale di PIAZZA ARMERINA)
    Si rilascia LAUREA AD HONOREM ,col massimo dei voti,a chi tollera e non denuncia lo scempio del patrimonio artistico proprio ed altrui.
    P.S. A tale FACOLTA'non sono ammessi i pochi "scellerati" sensibili,interessati e combattivi come me ed il Prof. che si commuovono ancora davanti ad un'edicola votiva e ne chiedono il rispetto.
    Ad essi sarà riservato,come premio di consolazione, un comunissimo foglio A4 con su scritto NON VI RESTA CHE PIANGERE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi raccomando: il foglio deve essere assolutamente "lordu e 'ncrasciatu" e di una qualità neache buona per pulirsi il fondoschiena! Ci tengo, anzi, ci teniamo, se il mio anonimo mi consente questa preferenza, confidenza e delicatezza! Grazie anticipatamente per quando non ci sarò, non ci saremo, cchiù!

      Elimina
  3. Anonimo consente preferenza e condivide ringraziando ;per la serie "non ci facciamo mancare niente" soprattutto non trascuriamo il senso dello humor,unico antidoto ai metaforici pugni sullo stomaco ricevuti alla vista dell'annientamento brutale di quel piccolo mondo antico in cui nacquero e crebbero.Prof. ,AVANTI TUTTA con questa crociata !

    RispondiElimina
  4. Faccio mo l'appello del Prof. affinchè chi organizza le Novene riscatti l'Edicola di Fundrò,le ridia vita e la dignità che merita con un minimo di arredi :un po' di verde ed un'immagine sacra.
    Quell'edicola non è figlia di un dio minore ma vittima innocente dello sconquasso di TEMPI MODERNI di CHAPLIN.
    Prego la MADONNA,regina dell'attesa,a cui forse quell'Edicola era dedicata, di darci una mano per poter dire NON TUTTO E'PERDUTO.
    P.S.Sono la stessa persona del NON CI RESTA CHE PIANGERE,che forse ha urtato la sensibilità di qualcuno (in tal caso me ne scuso) che sta cercando di superare l'effetto PUGNO SULLO STOMACO ,anche grazie alla tradizionale acqua-limone-alloro,
    e di riconquistare un residuo di fiducia nell'umanità.Come già detto nel secondo intervento,comunque AVANTI TUTTA per uscire da queste secche.

    RispondiElimina
  5. Acqua +Limone (scorza) +alloro = Canarino.

    RispondiElimina
  6. CANARINO al NORD. ACQUA CAUDA al SUD quindi a ciaccèsa. Saluti e buona digestione.

    RispondiElimina
  7. Basterebbe fare la novena lì invece che nella piazzetta Fundro', qui se ci fate cado si sta letteralmente cuocendo la pietra arenaria.

    RispondiElimina
  8. e' UN VERO MONUMENTO ALL'INCURIA ED AL MENEFREGHISMO.Nei paraggi di
    questa povera EDICOLA non abita più nessuno?

    RispondiElimina