IL MIO LIBRO "CRONOLOGIA CIVILE ED ECCLESIASTICA..." del 2008 oggi anche su Ebook

domenica 31 agosto 2014

Estate armerina 2014

 

Rumore 


Il rumore non tace,
fa chiasso, schiaccia il silenzio,
non ha stanze vuote.
 Il rumore non guarda il mio sonno,
non rispetta scadenze né ore,
lui non vuole incorniciare la serenità,
la possiede,
non ti sussurra dolcemente,
è assordante.
Il rumore è vivente,
la parte più dura di noi,
non ha rispetto di niente.
Il giono è il suo servo obbediente,
e la vita col suo stile
non gli mente,
c'è chi non può farne a meno
perché da lui dipende.
Poi arriva la notte
che per un poco 
lo mette a tacere,
finalmente.

Roberto Lavuri,  
Le mie poesie, 2014

Gaetano Masuzzo/cronarmerina

6 commenti:

  1. Bella poesia. Spesso il silenzio parla più del rumore. Maria Siciliano.

    RispondiElimina
  2. Dipende dove abiti! provate a chiedere a quelli che abitano nelle zone vicino Piazza Boris Giuliano!!!

    RispondiElimina
  3. a me il silenzio non piace ,mi intristisce e mi fa paura.Il rumore mi fa sentire il mondo attorno palpitante pieno di vita.Viva i rumori ,musicali ,canori ,mormorii purchè controllati dalla buona educazione .Se nelle serate organizzate c'è rumore fino a tardi ,pazienza quando ci vuole ci vuole un pò di animosità.

    RispondiElimina
  4. a me il silenzio non piace ,mi intristisce e mi fa paura.Il rumore mi fa sentire il mondo attorno palpitante pieno di vita.Viva i rumori ,musicali ,canori ,mormorii purchè controllati dalla buona educazione .Se nelle serate organizzate c'è rumore fino a tardi ,pazienza quando ci vuole ci vuole un pò di allegria

    RispondiElimina
  5. ci vuole tutto nella vita ma pur sempre nel rispetto di chi soffre .con i limiti della buona educazione.far chiasso gridare nelle strade rompere bottiglie di birra a terra per divertimento ,significa incivilta' e mancanza di rispetto .e bello tutto cio ' che e' normale vita quotidiana.

    RispondiElimina
  6. Non è accettabile il "tanto rumore per nulla" ,il fracasso di vetri e timpani rotti.Non lo è nemmeno l'assordante silenzio di chi non provvede ad eliminare non tanto i "cocci" quanto i motivi di tanta sofferente anormalità.

    RispondiElimina