LA CROCE GRECA MAI VISTA SUL MURO DELLA CHIESA DEI TEATINI

sabato 9 agosto 2014

Visti dagli altri / 3

 

Il piazzese


Tant'era valente il piazzese che non mangiava per non portarsi il pane alla bocca, e piuttosto che adoperare le mani preferiva lasciarsi morire di fame.
Si buttò dunque sotto una ficaia carica di frutti maturi, e aspettava con la bocca aperta che gli cascassero dentro, senza mai avanzare il braccio o il collo per prendere quelli d'intorno.
Passa ora passa poi, uno finalmente gli cascò in bocca, ma per non muovere i denti e ingozzarselo neppure lo toccò, e rimase così, finché non morì come un piazzese che era.

Francesco Lanza (Valguarnera Caropepe 1897-1933), Mimi Siciliani, Milano 1928

6 commenti:

  1. Per completeezza...l'albero era suo...o approfittava dei frutti degli altri?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I frutti degli altri (du zìu strànu) sono i più dolci, mentre quelli dell'invidia sono i più amari e difficili da digerire!

      Elimina
  2. Parliamo di accidia o di acidita'?O il Piazzese soffre di tutte e due?!

    RispondiElimina
  3. I compaesani lo lasciarono secco li aspettando, che se lo mangiassero i cani lasciando il fico che nel frattempo era diventato passolone.
    Ora si poneva il problema: eh chi si doveva calare, per raccoglierlo?

    RispondiElimina
  4. e ancora u passulun è ddà!

    RispondiElimina
  5. è passà u ù g'lis e u r'cugghi! e allura u chiazzis ch era dda ch spttava gh diss chieè mu duni menzu?

    RispondiElimina