LA CROCE GRECA MAI VISTA SUL MURO DELLA CHIESA DEI TEATINI

sabato 2 novembre 2013

A giurnàda dî morti



Il due novembre, giornata della commemorazione defunti, visitare  il camposanto è un atto dovuto e di fede nello stesso tempo. Le numerose fotografie sulle tombe, offrono l’occasione di ritornare indietro con la mente. Il vero credente sa che dentro le tombe non vi è più nessuno… l’anima è volata in cielo con la preghiera.

 A GIURNÀDA DÎ MORTI

Nan ggh’è scànt,
e mànch p’n’tènza
annè ô camp’sànt
nâ giurnàda dâ r’verénza.

Ad’r’ttùra, u r’tràtt dû mòrt
â f’lèra o â r’nghèra,
m’ döna pasg’ e cunòrt
e m’ porta nû témp ‘ndarrèra.

Sti fàcci stampàdi, ‘ntra lùmini ê sciuri
m’inc’nu  u cör d’ t’nn’rézza…
...Cö câ scrìma , cö cû l’öggi scuri
u scaffarà e cödda câ trézza…

P’ mi, vacànti sù i fussöi.
Oramài bit’nu â ddà via
e fanu d' sötta e d’ patröi,
senza rancùri e ddutanìa.

L’arma bianca com’ a zzèra,
ha pighiàit u vòlu câ prièra.

Tanino Platania


Il giorno dei morti
Non ho timore/ e neanche mi dà peso/ andare al camposanto,/ nella giornata della commemorazione dei defunti./
Anzi, a vedere i ritratti dei defunti/ disposti in fila o in riga,/ mi dà pace e conforto/ e mi portano indietro negli anni./
Questi visi, tra lumini e fiori/ mi riempiono il cuore di tenerezza../ (C’è) Quello con la scriminatura,/ quello con gli occhi scuri,/quello pelato e quella con la treccia…/ Io sono sicuro che dentro le tombe non c’è nessuno./ Ormai abitano in cielo,/ senza dolori e lamenti./ L’anima bianca come la cera/ è volata in cielo con la preghiera.

Nessun commento:

Posta un commento