NEL CERCHIETTO GIALLO I RESTI DEL MURO SUD DEL CASTELLO DI PLACIA

sabato 9 marzo 2013

La nobile Giovanna Sceberras

Il palazzo â calàta û cullègiu

Palazzo Sceberras ex Trigona marchese di Dainammare
Ieri un lettore mi ha chiesto dove si trovava il pensionato per donne sole e anziane fondato nel 1960 dalla signorina Giovanna Sceberras. Eccovi nelle foto la sede in via Vittorio Emanuele (â calàta û cullègiu) oggi sede della Caritas Diocesana. La fondatrice, figlia di Librorio Sceberras dei baroni di Montagna di Marzo e Budonetto (1843-1899), nasce a Piazza nel 1888 e muore nubile nel 1971. La sua famiglia originaria di Malta, giunge in Sicilia nel XVIII secolo e il primo nome di questa famiglia nella nostra Città è quello di Antonio Sceberras. Questi, proveniente da Malta, è nominato dal Viceré Capitano di Giustizia e, nel 1790, sposando Girolama Trigona figlia di Paolo barone di Montagna di Marzo, Budonetto e Vallegrande, risulta barone di questi feudi. Il palazzo di via Vitt. Emanuele era stato costruito nella seconda parte del Seicento da Giuseppe Trigona-La Restia III marchese di Dainammare e barone di S. Cono Superiore. Anche il palazzo, sino a pochi anni fa sede del Banco di Sicilia, oggi sede del negozio di abbigliamento Elite, in via Garibaldi, era della signorina Sceberras. Gaetano Masuzzo/cronarmerina 

3 commenti:

  1. Ringrazio per la veloce e precisa spiegazione. A tal proposito vorrei sapere se le Autorità del Comune di Piazza Armerina (e in particolare il Sindaco e l'Assesore alla Cultura) sono a conoscenza dell'immenso lavoro di divulgazione storica che viene fatto attraverso questo Blog. Oppure sono già tutti impegnati nella scelta del grande attore che dovrà impersonare il Conte Ruggero o nelle selezioni (difficilissime e impegnative) per la Gran Dama?

    RispondiElimina
  2. Dovremmo sollecitare la Curia per fare abbattere quegli orrendi pilastri di calcestruzzo realizzati certamente per sopraelevare di un'altro piano l'antico palazzo.
    Oltre ad essere antiestetici, sono un pugno nell'occhio e, a distanza di tanti anni saranno pure pericolosi.
    Filippo Rausa

    RispondiElimina
  3. ottimo per mantenere viva la realtà piazzese.

    RispondiElimina