IL MIO LIBRO "CRONOLOGIA CIVILE ED ECCLESIASTICA..." del 2008 oggi anche su Ebook

domenica 17 marzo 2013

Famiglia Colomba

Una colomba d'argento ad ali spiegate (alias posata).
La presenza a Placie della famiglia Colomba, Columba, de Columba, si registra intorno al 1400, quando diverse famiglie sono portate nella nostra Città dagli avvenimenti bellici di quel periodo. Nel 1410 Bernardo è giudice capitanale, 1435 Giuliano è capitano a Caltagirone. E' in questi anni che il notaio Giovanni de Columba ottiene da re Martino I il Giovane il feudo Polino-S.Barbara (a ca. 6 Km. a Nord-Ovest da Piazza). Circa un secolo dopo, nel 1520, il feudo appartiene al barone Antonino del quale, probabilmente, è parente la baronessa Costanza Colomba, che trasforma il suo palazzo, confinante con la chiesa di S. Agata (al Monte), in Casa di ritiro per pie signore nel 1530, dettando le condizioni per l'ammissione delle nuove aspiranti che dovranno essere di nobile origine. Nel 1539 la Casa è autorizzata a diventare Monastero di Benedettine di S. Agata. Nel 1522 Giuliano junior è giurato, 1556 Giovanni Francesco è barone del Polino, Quasi un secolo dopo, nel 1608, il barone del Polino, Blasco Columba, è tra i giurati della Città che chiedono e ottengono dal viceré marchese di Vigliena, il titolo di Spettabile, e il privilegio del mero e misto imperio, pagando la somma di 10.000 scudi al viceré di allora, duca di Ossuna, nel 1612. Nel 1638 muore, nel Monastero di S. Giovanni Evangelista suor Laudemia Columba, in odore di santità. Intorno al 1660 Dorotea, la madre del barone Blasco, risposatasi con un nobile di Caltagirone e avendo acquistato il feudo Polino dal figlio, lo trasmette, alla sua morte, al figlio Antonio Bonanno, avuto dal secondo marito.     

Nessun commento:

Posta un commento