LA CROCE GRECA MAI VISTA SUL MURO DELLA CHIESA DEI TEATINI

sabato 23 marzo 2013

Eccovi l'originale

Invece di arrivarne un'altra inedita, come tutti speravamo, è arrivata la poesia originale, datata 1877, direttamente da Remigio Roccella. Mi dispiace per la "poetessa" ma i versi che aveva "portato alla luce" l'avevano già vista oltre un secolo fa. Eccovi qui sotto soltanto 4 delle 15 quartine complessive.

 

A végghia ch' s marìa

 

Canzöna

Darrèra Santa Vènn'ra
tuttöra ggh'è ncurtìcch,
unna ggh' sta na föm'na
cu a facci com u picch'.

Oh! S'a v'dè! Chi giöv'na...
ch'è bedda, ch'è mpuppàda!
A pedd ha com ô còir 
a böcca l'ha sfunnàda.

Davvèru ggh'è s'mpàt'ca,
nû nas ggh'av u rögg,
nâ frönt ggh'ha f'lìni
mantècca ggh'ha nt n ögg.

S' ciàma S'gnà 'Ntònia
e cönta trëi v'ntìni.
Ch'è bedda! E tutti a vant'nu
d' zza e d' ddà i v'sgìni! 

.......

Da "Poesie e Prose nella Lingua Parlata Piazzese" di Remigio Roccella

2 commenti:

  1. professore,cortesemente, ASSOLUTAMENTE gli altri versi,è il ritratto di mia moglie!

    RispondiElimina
  2. la "poetessa" non ha assolutamente vantato la paternità dei versi.Anzi è, adesso, molto riconoscente al tuo blog, perchè quei ricordi (di 60 anni fa) appartenevano ad un Illustre come R. Roccella e non sapeva di ricordare giocosamente il Poeta.
    Grazie, Gaetano

    RispondiElimina