NEL CERCHIETTO GIALLO I RESTI DEL MURO SUD DEL CASTELLO DI PLACIA

lunedì 13 gennaio 2014

La Sconcordia

A due anni di distanza è apparso questo cartello provocatorio di pericolo sul lungo mare di Livorno, dedicato al Comandante Schettino "SC(ogli)HETTINO". Verrebbe da ridere se non fosse per la morte di 32 persone, che invece si erano imbarcate per trascorrere qualche giorno di spensieratezza, su una nave enorme ma nelle mani di un incosciente che, come spesso accade nella nostra bella Nazione, si è messo in salvo per primo e, si accettano scommesse, la farà franca, anzi verrà proposto per un encomio con un avanzamento di carriera e passerà alla storia come "il Salvatore" ! 

Vuoi vedere che la colpa è del Comandante della Capitaneria di Porto De Falco che gli disse "Salga a bordo, cazzo!" ?  

A proposito di incoscienza nella nostra Nazione, avete visto come ancora si permette l'ingresso alle Grandi Navi da Crociera quasi fin sotto il Leone di Venezia. Ve lo immaginate se tutto ciò accadesse in una città della Sicilia ?

Gaetano Masuzzo/cronarmerina

1 commento:

  1. Purtroppo andrà a finire proprio così. Schettino la farà franca e tutta la colpa sarà data al povero timoniere filippino che neanche parlava italiano o inglese. Questa la dice lunga sulla sicurezza di questi giganti galleggianti che, fino a quando le cose vanno bene, sono meravigliosi, ma quando c'è qualche problema, solo allora ci si accorge che tutto è affidato a un esercito di incompetenti. Herald da Rovereto (TN).

    RispondiElimina