IL MIO LIBRO "CRONOLOGIA CIVILE ED ECCLESIASTICA..." del 2008 oggi anche su Ebook

lunedì 23 marzo 2015

Fontanella ex Ospedale Chiello / n. 14

La fontanella n. 14 è quella dell'ex Ospedale Chiello. Come si può vedere a dx nella foto, ormai è senza rubinetto e quindi in disuso da qualche anno, ma vi assicuro che prima era molto frequentata, specie quando c'era l'Ospedale "Michele Chiello" in funzione. Dopo aver approfondito per una ragione o per un'altra la storia riguardante questa zona posso, senza ombra di dubbio, affermare che questo è stato il sito più frequentato e attivo della nostra Città. Perché, oltre ad essere in prossimità della Cattedrale e del Palazzo Vescovile, con tutto quello che comportava, era stato secoli prima il luogo dove era sorto il Castello di Placia o Placea, in alcuni documenti chiamato Castrum Reginae, per controllare la popolazione dei casali e borghi ancora arabi. Costruito su questo colle da militi Lombardi intorno al 1076, già pochi decenni dopo, era diventato un punto di riferimento e un centro di aggregazione per il nuovo borgo con non più di un migliaio di abitanti. Questo fu il "centro abitato" distrutto nel 1161 da re Guglielmo I per rappresaglia e, qualche anno più tardi, nel 1163, da lui stesso ricostruito sulle ceneri rimaste. Nei secoli successivi questa area ha visto, oltre alle prime fiere annuali e periodiche, la nascita di un convento francescano al posto del Castrum Reginae, di chiese e ospedali che avrebbero cambiato il loro nome a secondo dei Santi protettori dei vari Ordini Religiosi che si sarebbero succeduti, della Regia Scuola di Avviamento Arti e Mestieri, di un Monte di Pietà, di un'Opera degli Esposti o Trovatelli, della dimora dei cappellani della Cattedrale, e per finire, è storia dei nostri giorni, del Vescovado.

Gaetano Masuzzo/cronarmerina

11 commenti:

  1. A circa 30 metri da questa, fatta a metà degli anni 60, un'altra trovavasi proprio sotto il muro quasi alle spalle della Cattedrale. Era la classica fontanella a colonna, in ghisa con piazzetta di contenimento acqua. In altri ambienti, magari con minor cultura rispetto a Piazza, l'avrebbero spostata difronte al Chiello, invece sarà andata ad arredare qualche giardino privato.

    RispondiElimina
  2. In questa fontanella mi sono "abbeverato" diverse volte, ma il mio ricordo più triste è legato all'edificio di fronte: L'ospedale Chiello. All'età di 12 anni, per una banale caduta in bici vengo ricoverato in quel lazzaretto. I super-ortopedici d'allora, dopo aver visto l'enorme ematoma al ginocchio, decidono che il metodo migliore è quello di... ingessare la gamba ed attendere!! Risultato: dopo 30 giorni tolgono il gesso e la gamba sta andando in cancrena. Ricovero urgente in clinica privata a Catania e salvataggio in extremis!!!

    RispondiElimina
  3. Non erano affatto Ortopedici, erano dei lmedici semplici che venivano investiti con un incarico prive'.

    RispondiElimina
  4. Le due fontanelle hanno dissetato generazioni di residenti della zona, ma anche migliaia di ricoverati in ospedale che nelle calde serate estive si portavano nei pressi rigorosamente in ciabatte e calzino bianco, pantalone di cotone celeste, canottiera bianca e l'immancabile bottiglia di vetro. Altri tempi.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che dire poi del fatto che ad una certa ora veniva chiuso il portone principale e per uscire si doveva passare dal... pronto soccorso? Se in quel momento stavano medicando o dando dei punti, bisognava aspettare dietro la porta!! E del lurido montacarichi per portare le vivande al piano superiore, sporco di spruzzi di sugo e con migliaia di mosche che banchettavano, che mi dici??? P.S. avrei altre decine di storielline per i Carabinieri dei NAS, ma mi fermo qui.

      Elimina
  5. Non solo le mosche banchettavano, alcune persone per decenni non hanno mai fatto la spesa nei supermercati o mercatini vari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo, mi sembra di capire che lei conosce molto bene la situazione. Di bagagliai delle macchine piene di carne, mozzarelle, ed altri tipi di alimentari, nessuno se ne era mai accorto, vero?

      Elimina
  6. Gestione allegra e fallimentare di un BENE PUBBLICO.Poveri noi!

    RispondiElimina
  7. Parmigiano, olio, pasta, tonno in scatola, filetti e contro filetti, carni per arrosto, saponi, saponette e detersivi vari, etc., etc., provate a moltiplicare le cifre in lire per anni, anni, 20,30 anni e provate ad immaginare quanti soldoni. ........e quindi quante proprietà. .........

    RispondiElimina
  8. Metteteci anche una Super Super Liquidazione, alcuni posti di lavoro scelti con oculatezza certosina ........e il gioco è presto fatto.

    RispondiElimina
  9. Ovviamente i posti di lavoro super scelti erano per i propri discendenti diretti, uno, due, tre.......

    RispondiElimina