NEL CERCHIETTO GIALLO I RESTI DEL MURO SUD DEL CASTELLO DI PLACIA

mercoledì 29 ottobre 2014

La Cùpula (era) Virdi

Ed eccovi la terza poesia dedicata al tetto della Cùpula della Cattedrale che, al tempo della fanciullezza del poeta era verde (intorno al 1870, vedi poesia precedente "La Cùpula Virdi di la Catradali") ma in seguito a qualche motivo di restauro cambiò colore, e il poeta, ormai adulto (anni 30), se ne rammarica. Successivamente il tetto tornò come lo vediamo adesso, VIRDI.

LA CÙPULA VIRDI


Lu ciriveddu l'àppiru strammatu
cui foru ca la cùpula sminnaru;
di quannu ddu culuri scancillaru 
Chiazza di tannu persi lu primatu !

Marcu Trigona, a la stranìa jttatu,
ccu ssa gran manu tumpulìanni un paru;
grìdaci forti ca lu tò dinaru
pi spisi pazzi nun lu voi sfardatu !

E vui, palummi, cucchi e rinnuleddi,
e vuautri struneddi e varvajanni,
'ngramàgghiativi comu l'urfaneddi.

E tu, Campana di la Muscatedda,
chi virdi la gudisti pi tant'anni,
chiàncila tu ccu ssa tò vuci bedda !

Girolamo Giusto, 1937
(1868-1941)
________________________

Note originali dell'autore nel suo volume del 1937: Primatu = Indiscusso nel campo intellettuale e politico nella vecchia provincia di Caltanissetta; Marco Trigona, la cui statua - opera dell'Ugo - è eretta nel "Piano" del Duomo, fu il munifico fondatore e donatore del Duomo; Campana = Una delle due campane dell'orologio del Duomo. Fu trovata sepolta insieme al Vessillo del Conte Ruggero.

Gaetano Masuzzo/cronarmerina 

6 commenti:

  1. Traggo spunto dal rammarico del poeta per un restauro,secondo lui, peggiorativo e rivolgo anch'io un appello a MARCU TR'GONA affinchè con la sua mano mettesse in atto una serie di TUMPULIAMENTI a chi o lascia andare o restaura male il patrimonio artistico che è di tutti.Credo che a costoro si addicano bene le parole del poeta ""lu ciriveddu l'appiru strammatu"" o ""lu to dinaru pi spisi pazzi nun lu voi sfardatu"".Se poi LU DINARU è della comunità dei contribuenti..........peggio mi sento.

    RispondiElimina
  2. Giovanni Piazza29 ottobre 2014 15:54

    Pròsita, professu’.
    Capisti, mpari? E tu, che lu sapivi
    stu fattu da campana muscatedda?
    O di l’autri culuri transitivi?
    O di la manu aperta e trigunedda

    ca tumpuliava l’amministrativi?
    Ma chistu essiri mastru di ciappedda
    e dari sti nutizi riflissivi
    supra ogni strata, supra ogni vanedda

    chi rappresenta, studiu di sustanza?
    Cèrchita archivi archivi e di pacenza?
    Strùmmulu ca ci abballa panza panza?

    Certu è, cumpari, ca qualunqui sia
    cca c’è la nostra storia e cu ci penza
    è caputrumma d’auta ngignirìa.

    RispondiElimina
  3. Prendo a prestito e rinnovo moltiplicato il PROSITA PROFESSU' che sa DARI STI NUTIZI RIFLISSIVI;NON È che,archivi archivi si potrebbe sapere perchè la campana è detta dal poeta MUSCATEDDA?Spero di non chiedere troppo.Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muscatedda pirchì è la cchiù piccidda e la cchiù argintina di campani du rannu campanili. Comu tutti sannu la muscatedda è a racìna cu i còcci cchiù p'ccìddi ch' serv' a far' u vìngh.

      Elimina
  4. Giovanni Piazza30 ottobre 2014 19:58

    Eh sì, il barone Marco Trigona n’avissi, chiffari.
    Tumpuliamenti a tinchitè.
    Questa, quando il giardino Scibona faciva pietà e misericordia.
    .
    Il barone Marco Trignona scende dal cannolo
    per una visita al giardino Scibona.
    .
    Passiata barunali
    Aieri il detto fu Marco Trigona,
    scinnutu do' cannolu so' pileri
    p'appujarisi nticchia a lu Scibona
    e arrifriscarisicci li pinzeri,
    si n'acchianò na ddi quattru scaluni
    ittannu l'occhiu attentu p'ogni agnuni.

    E sgammannu tra l'erva menza sicca
    ca s'ammucciava sutta a la trazzera
    si scutulò di ngoddu qualchi zicca
    s'abbivirò nta l'acqua ca nun c'era
    da' bedda funtanedda scardiata,
    s'appuiò nta la naca scuvulata.

    Iuntu a la vanchitedda senza funnu
    s'assittò co' pinzeri, e la carizza
    di ddu quarteri so', ca fu so' munnu,
    ci la rialava sulu la munnizza.
    Tutta la so' putenti barunìa
    s'arricampava sulu a fitinzìa?

    «Cu t'abbannuna e puru cu ti sconza,
    nuddu po' ssiri mai giustificatu.»
    e nta la menti a Ganu di Magonza
    ddu poviru baruni disfiziatu
    si nni turnò ncannolu, stancu e sulu,
    pinzannu «Chiazza mia... ma vafanculu!»

    RispondiElimina
  5. Rendono bene l'idea,sia pure in un'atmosfera surreale,dell'indifferenza e dell'abbandono
    "l'acqua ca nun c'era" ,"la naca scuvulata" e "la vanchitedda senza funnu ". Sono tutte realtà irreali !Francamente lasciano immaginare un effetto tsunami.

    RispondiElimina