LA CROCE GRECA MAI VISTA SUL MURO DELLA CHIESA DEI TEATINI

domenica 1 giugno 2014

Li me strumenti



Li me strumenti

Dintra la casa mia c'è un magazzinu
di pòviri strumenti rusticani:
tammuri, friscaletti, marranzani,
'na ciaramedda e 'n organettu finu.

Ma quannu lu me cori è murtascinu,
mùscia la menti e aggrancati li mani,
pàssanu jorna e pàssanu simani,
e ni la casa mia nun c'è fistinu.

Si nun sugnu però siddiatuzzu,
e annarba ni lu cori l'alligrizza,
si sdrivìgghia la Musa, e sàuta 'mpizzu.

Pigghia 'na ciaramedda e si ci appizza,
o 'n àutru struminteddu accurdatizzu,
e canta, comu pò, la me prijzza.

G. Giusto, 1933
(Scagghi e Risugghi, sonetti siciliani, Ed. Sic. Gym., Milano, 1933)

2 commenti:

  1. Giovanni Piazza1 giugno 2014 13:45

    Errata corrige
    "Siddiatizzu", 'u sacciu, sì Mimì
    "siddiatuzzu" iu ti lu va' drizzu
    sinnò la rima perdi i so' pirchì
    e stu sunettu poi n'arresta 'mpizzu.
    .
    Pirchì 'n sunettu fattu a quattru e tri
    nunn'avi rima a finucchieddu rizzu
    e i to' sunnu sunetti rififì,
    ‘u sacciu, iu, ca sugnu cuvatizzu.
    .
    Ma cu stu versu lìbbiru oramai
    cu di metrica parra, pari pazzu
    e cu a lanterna va circannu guai,
    .
    perciò, scusa Mimì, giustizia è fatta
    e puru si nun servi propriu a un... mazzu
    sta sunatedda arresta sudisfatta.

    RispondiElimina
  2. i scagghi sono il resto del frumento o altri cereali che risultavano dalla cernita e venivano dati alle galline o restavano sul posto servendo da concime .Poi nell'aia c'era pure la susca che era il prodotto della sfoglia dei cereali o legumi che il vento l'accatastava intorno all'aia ,anche questa era un buon concime per la terra .Mio padre ci seminava gli spinaci e venivano una meraviglia.ricordi che tornano a chi li ha vissuti quei tempi eper farli conoscere ai giovani

    RispondiElimina