ANGIOLETTO EX-VOTO PER S. FILIPPO D'AGIRA A PIAZZA ARMERINA

venerdì 13 giugno 2014

Alla compagna tecnologica

La Kodak junior 620 prodotta in Germania dal 1933*

 

La me machinetta fotografica


O machinetta mia, nica e pulita,
senza li smòrfii di Kodak vantata,
ogni viduta, ch'è di tia pigghiata,
pari ca parla, e ca ci duni vita.

La campagna, talè, pari 'na zita
di zàgara e di sciuri 'ncurunata;
pari 'na schetta, bedda e 'nnamurata,
ca ni fa 'nsinga, e a nèsciri n'invita.

Iamuninni a diddì**. Ci su' jardina,
munti, vadduni, boschi, lavinari,
e frutta e sciuri, ed acqua ed ària fina.

E poi tu pitta, ca lu sai ben fari...
ma di Meli*** vurria l'arti divina
di Teòcritu e Dafni in tia truvari.

Girolamo Giusto, 1933

*Potrebbe essere la macchina fotografica a cui fa riferimento il poeta nel secondo verso quando dice che la sua non è come questa "vantata".
**Termine usato sino a qualche decennio fa per invogliare i bambini ad andare "a passeggio".
***Giovanni MELI poeta e drammaturgo nato a Palermo nel 1740 e morto nel 1815 a Palermo, dove riposa nella chiesa di S. Domenico, pantheon dei siciliani illustri (dove c'è anche la tomba del Gen.le Antonino Cascino).

Gaetano Masuzzo/cronarmerina  

1 commento:

  1. che bellezza di descrizione che fa il poeta in questa poesia ! Mi sembra di rivivere questo dialetto semplice puro come dio ha creato la natura.Mi piace la parola ddiddi ,a bubu,e a mbumbu

    RispondiElimina