VISITA PER LE VIE DI PIAZZA ARMERINA DEL 20 MAGGIO 2018 GUIDATA DAL PROF. GAETANO MASUZZO

venerdì 13 giugno 2014

Alla compagna tecnologica

La Kodak junior 620 prodotta in Germania dal 1933*

 

La me machinetta fotografica


O machinetta mia, nica e pulita,
senza li smòrfii di Kodak vantata,
ogni viduta, ch'è di tia pigghiata,
pari ca parla, e ca ci duni vita.

La campagna, talè, pari 'na zita
di zàgara e di sciuri 'ncurunata;
pari 'na schetta, bedda e 'nnamurata,
ca ni fa 'nsinga, e a nèsciri n'invita.

Iamuninni a diddì**. Ci su' jardina,
munti, vadduni, boschi, lavinari,
e frutta e sciuri, ed acqua ed ària fina.

E poi tu pitta, ca lu sai ben fari...
ma di Meli*** vurria l'arti divina
di Teòcritu e Dafni in tia truvari.

Girolamo Giusto, 1933

*Potrebbe essere la macchina fotografica a cui fa riferimento il poeta nel secondo verso quando dice che la sua non è come questa "vantata".
**Termine usato sino a qualche decennio fa per invogliare i bambini ad andare "a passeggio".
***Giovanni MELI poeta e drammaturgo nato a Palermo nel 1740 e morto nel 1815 a Palermo, dove riposa nella chiesa di S. Domenico, pantheon dei siciliani illustri (dove c'è anche la tomba del Gen.le Antonino Cascino).

Gaetano Masuzzo/cronarmerina  

1 commento:

  1. che bellezza di descrizione che fa il poeta in questa poesia ! Mi sembra di rivivere questo dialetto semplice puro come dio ha creato la natura.Mi piace la parola ddiddi ,a bubu,e a mbumbu

    RispondiElimina