ANGIOLETTO EX-VOTO PER S. FILIPPO D'AGIRA A PIAZZA ARMERINA

venerdì 20 giugno 2014

A Pepè Paladino

Giuseppe Paladino, particolare dell'autoritratto in Pinacoteca Comunale*

 

Li pinzeddi

A Pepè Paladino, pittore ritrattista sommo

O Peppi, si sapissi com'a tia
e culuri e pinzeddi maniari,
e ni la tila com'a tia, pittari
chiddu ca bugghi ni la menti mia;

di la to tavulozza iu pigghirìa
li culuri chiù fini e li chiù rari,
e si amuri un miràculu vo' fari,
un ritrattu dipìnciri vurria.

Capiddi ad unni, nìuri, lucenti,
occhi nìuri, spaccati, occhi di fata,
e pìcciula la vucca e risulenti;

e 'n'ària di buntà, di simpatia
'nni dda facciuzza tutt'aggraziata,
c'assimigghiassi a la zituzza mia.

Girolamo Giusto, 1933

*Il piazzese Giuseppe Paladino (1856-1922) è "figura tra le più interessanti nel panorama artistico siciliano di fine Ottocento e primo Novecento la cui fisionomia stilistica attende ancora di essere indagata dalla critica... fu allievo di Domenico Morelli all'Accademia di Belle Arti di Napoli, grazie a un sussidio del Comune elargito negli anni 1876-77, e che tornato a Piazza, tranne un soggiorno in Egitto e una breve tappa a Messina, vi resterà sino alla morte... Paladino si dedicò in prevalenza alla pittura di paesaggio ma soprattutto al genere del ritratto." (dal sito del Comune di Piazza Armerina, Pinacoteca Comunale, Sala III-Sala azzurra)

A proposito del ritrovamento di più di 300 disegni e 36 dipinti ad olio con paesaggi della città dei mosaici del primo novecento, tutti attribuiti al pittore piazzese Giuseppe Paladino, vi segnalo l'articolo di Roberto Palermo: http://www.gds.it/gds/edizioni-locali/enna/dettaglio/articolo/gdsid/261557/

Gaetano Masuzzo/cronarmerina



1 commento: