IL MIO LIBRO "CRONOLOGIA CIVILE ED ECCLESIASTICA..." del 2008 oggi anche su Ebook

venerdì 30 maggio 2014

Scagghi e risugghi


MONDIGLIE E RIMASUGLI
Eccovi la prima poesia del primo volumetto (nella foto) del poeta Girolamo GIUSTO

Sapèmuni a sèntiri

Li stampu finalmenti sti sunetti,
ch'haju, gilusi, tinuti ammucciati,
com'a ddu patri ca li figghi schetti
mancu di l'ària li voli 'nfruntati.

Patri?! e cumparu sàcciu li difetti
di sti figghiuzzi mei mali 'nzignati;
ma s'un potti rinèscirli perfetti,
di nuddu li vulissi maltrattati.

Figghi, civati cu zùccaru e meli,
spècchiu e cunortu di la vita mia,
boni vi vosi, boni e senza feli.

Ora vi stampu! E si, 'nsamà, la genti,
malafacci vi fa,... turnati a mia:
suli, suliddi unn'èramu cuntenti?

G. Giusto, 1933

Secondo me il bello di questi versi è il ritrovare termini e modi di dire dei nostri genitori, che esprimono in maniera chiara e diretta sentimenti semplici, sinceri, onesti e toccanti. Un vero ritorno tra le mura delle nostre case e dei nostri affetti più cari. 
Gaetano Masuzzo/cronarmerina  

8 commenti:

  1. è veramente dolce ed emozionante ,ricordo perfettamente queste espressioni dai miei genitori e dai miei nonni.A leggerli mi fa tornare indietro nei tempi ,parole semplici ma che dicono tutto l'amore dei nostri genitori.Ricordo che quando mio padre tornava dalla campagna ,la sera a tavola il più piccolo in braccio a mio padre che come mangiava lui così cvava a figgia c'aviva brazza.

    RispondiElimina
  2. è veramente dolce ed emozionante ,ricordo perfettamente queste espressioni dai miei genitori e dai miei nonni.A leggerli mi fa tornare indietro nei tempi ,parole semplici ma che dicono tutto l'amore dei nostri genitori.Ricordo che quando mio padre tornava dalla campagna ,la sera a tavola il più piccolo in braccio a mio padre che come mangiava lui così cvava a figgia c'aviva brazza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosaria, è fortissima quella metafora nel 3° e 4° verso quando parla dei figli ancora "schetti ch' mancu d' l'aria i vol' 'nfruntati", tanto i padri sono gelosi dei loro "pargoletti", ieri come oggi (forse) ! Altrettanto bella è la tua espressione "c'vava 'nbrazza a figghia", eccezionale!

      Elimina
  3. Giovanni Piazza31 maggio 2014 07:54

    E parru ancora cu Mimì
    cusà pirchì
    .
    Si stampi figghi o si stampi sunetti
    nun li poi mai, mantèniri ammucciati
    mpuputunati supra i culunnetti
    o ammenzu a li carizzi mpurtusati.

    E si ci sai pricisi li difetti
    e si d'amuri su' mali nzignati
    sai puru ca rinesciri perfetti
    nunn' è mai di stu munnu e sti gnunati

    Perciò bona ci sta la pubblicanza
    e si la malafacci è stravacanti
    nun servi, ncutugnari panza panza.

    "Suli suliddi stavamu cuntenti"
    è fausungannu tra li cchiù 'mpurtanti
    pirchì la vita è sempri tra la genti.

    RispondiElimina
  4. S' mpara nfina dop da bara..
    ! Mpur u prefessor pueta Giust! Chi bellezza a ddezz i paroddi ch' sanu svulazzie' ...d' Giometr'cu ch' tant giometr'cu nan m' par!

    RispondiElimina
  5. Giovanni Piazza31 maggio 2014 14:17

    Casalutter, e tu parri chiazzis
    e iu ca nun ci sacciu, mi ‘ncustìu
    e allura t’arringraziu senza aucìs
    e vucca a risu, quant’è vveru Diu,
    quannu t’ancontru, te’, cafè pagatu.
    E si ti piaci duci nzuccaratu,
    e sia sacramintatu,
    nun ti scurdari zuccaru cu tazza
    e ‘nticchia di miscela no-lavazza
    pirchì sennò s’incazza
    oltri a Lucì, la nostra economia.
    Perciò, casalutter, ascuta a mmia
    quannu sarà chi sia
    portati appressu, beddi e santi e sani,
    cafè, zuccaru e tazza siciliani.
    E pròsita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Iè t voggh r'ngraziè ch' si bunnanzios e d' cor....ma u caffè m' piasg turra' d' mi ,fait cu a mi caf' tera e r' m' na' nta mi c' caredda... ncasa mia!

      Elimina
  6. Giovanni Piazza1 giugno 2014 15:07

    Pricisu! Allura tu mi l’offri a mmia
    e nni livamu d’ogni camurrìa.
    Però, qualunqui sia,
    la to’ scrivuta di chiazzisaria
    è bedda e giusta e a tutta simpatia
    ca comu scrivi tu, nun si babbìa.

    RispondiElimina