LA CROCE GRECA MAI VISTA SUL MURO DELLA CHIESA DEI TEATINI

martedì 27 maggio 2014

Il poeta Girolamo Giusto

Girolamo (Mimì) Giusto Candrilli, 1868-1941
Solo da pochi giorni ho avuto tra le mani due volumetti * di poesie in siciliano di un poeta nato a Villarosa figlio di un piazzese, ma vissuto a Piazza e solo negl'ultimi anni della sua vita a Catania. Si tratta di Girolamo GIUSTO CANDRILLI, nato a Villarosa (o Bellarrosa, come lo chiama il poeta dialettale Vincenzo De Simone, nonché procugino del Giusto) nel 1868 e morto a Catania nel 1941. Insegnante di lettere per lungo tempo al Liceo Classico della nostra Città, a metà degli anni '30 si trasferì a Catania e nell'ultima poesia della sua opera CHIAZZA li so campagni... del 1937 (qui sotto riportata) ci spiega come la lontananza lo abbia portato a raccontare "i luoghi e tipi della nostra cittadina o del contado" dove "si delinea la bonomia del Poeta, venata leggermente talvolta da un'ironia sottile e un po' amara" ** con un poco di "quella dolce nostalgia che occupa l'anima degli isolani... e gli accenti di passione per le proprie contrade e per la propria casa, e per i morti e per i vivi, parenti, amici, scolari, vicini e lontani". ***

LITTURI MIU...

Lu cuntu è dittu, lu cuntu è finutu,
ti dicu lu pirchì ti l'haiu cuntatu:
quann'era picciutteddu iu fici un votu
di cilibrarlu stu me Chiazza amatu;
lu tempu chi fui ddà mi stetti mutu,
pirchì a lu cori ci mancò lu sciatu;
luntanu e cca, st'amuri miu crisciutu
la lingua mi sciugghì ed haiu cantatu.

Dimmilu tu, chi finu a cca ha' liggiutu,
si stu me cantu arriniscìu... stunatu. ****

Girolamo (Mimì) Giusto Candrilli
Catania, 1937

* "Scagghi e risugghi" del 1933 e "Chiazza, li so campagni e la cugghiuta di li nuciddi" del 1937. La IV di copertina di quest'ultimo, oltre al prezzo di £ 10, ci fa sapere che il primo era già "esaurito" e un terzo (Canta lu vecchiu) era "in preparazione"; 
** Dalla prefazione del prof. Leonardo Gebbia, suo alunno e negli anni '60 preside del Magistrale "F. Crispi";
*** Dalla prefazione del poeta Vincenzo De Sinone in "Scagghi e risugghi" del 1933; 
**** Nei prossimi giorni proporrò alcune poesie del suo "cantu", così vi renderete conto personalmente se "arriniscìu" o no (secondo me sì).

Gaetano Masuzzo/cronarmerina

3 commenti:

  1. Giovanni Piazza27 maggio 2014 08:56

    Beddu Mimmuzzu Giustu e schunchiudutu
    non è stu cantu so', né mai stunatu,
    ca puru s'ogni cuntu è poi finutu
    resta ntall'arma sempri, dda nchiuvatu.

    RispondiElimina
  2. io avevo già cercato su google il nomem e cognome di questo poeta dietro al suo accenno caro prof. Masuzzo ,ma non avevo trovato niente ;ora sono contenta di poter trovare riscontro tramite le sue ricerche.Grazie sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosaria, nei prossimi giorni sul blog troverai poesie di questo poeta poco conosciuto una più bella dell'altra. Ogni poesia sarà un tuffo nel passato e nei modi di dire e di pensare semplici e sinceri dei nostri genitori.

      Elimina