ANGIOLETTO EX-VOTO PER S. FILIPPO D'AGIRA A PIAZZA ARMERINA

domenica 6 dicembre 2015

Semplici gesti, grandi emozioni / 2

U Generàu Cascìngh cû a Cattradàu
CÒM S' L'AVISS ACCETTÀT
 (II parte)

Gghià vuless munnè p' feggh'la mangè du mumént stìss
Ancora tutta 'ntabarrada e sèmpr cu a valigia 'nmanu
"Benturnàda a Ciazza s'gnù! A vidu stanca
S'ar'criass cu sta bedda f'cudìnnia! Ora ggh'à munnu"
A föm'na s' ferma 'nmumènt p' saluèrlu
È mozionàda p' cöss gèst
Ch'av u savör d'a vera am'cìzia, du vèru affettu.

Eccòm s'ha voless mangè da bedda f'cudìnnia!
Ma cèntu passi avanti, gghè so marì
Ch' 'nprìmis, i f'cudìni nan ggh piasg'nu
P' secönn, av pr'mùra d' r'vè 'ncasa
(mànch s'avess f'gghétti cu' spett'nu)
Tèrza e urt'ma cosa, ieddu nan è purtà p' stì fastucchi.

No mèntr s'ha f'rmà p' guardè a scena
E i so oggi par ch d'gess'ru
"Avà! Rosa, mòv't, ggh'ai désg giörni d' tèmp
P' mangèt tutta a v'r'dura e i f'cudìni ch' voi"
A föm'na, ch capìsc so marì o barbariè d' l'oggi,
P' nan fè chiàcch'ri mànch bonu r'vadi,
U scuta e s' sp'dugghia a cam'nè.

Talìa arréra a bedda f'cudìnnia
T'nùa 'ndda manu cu tanta d'l'catèzza,
Mànch s' nan aviss spini,
Cu sa comm'ava èss dözz?
"Nonzi, gràzi cu tuttu u cör,
CÒM S' L'AVISS ACCETTÀT
Dumàngh mattìngh n v'döma."

ROSALBA TERMINI, 2015

Gaetano Masuzzo/cronarmerina 

11 commenti:

  1. Tanì, complimenti per continuare ad ospitare scrittori in gallo italico. Non voglio pensare quando i vecchi cultori della nostra lingua non ci saremo più. Quindi ben venga chiunque voglia parlare, scrivere o semplicemente appassionarsi al nostro vernacolo,indipendentemente dalla correttezza ortografica dei vocaboli. Si potrebbe comunque organizzare un corso a puntate di grammatica .Il vocabolario di riferimento é sempre quello del Roccella acquistabile usato su e-bay o nuovo presso Forni Editore nell'edizione anastatica. So che esiste un "circolo informatico" di cultori del gallo italico.Comunque bisogna far presto.Abbiamo un grande tesoro.Cerchiamo di non disperderlo.Un caro saluto Michele Suriana

    RispondiElimina
  2. Miché, sino a quando l'entusiasmo e la passione per le cose e le persone che gravitano intorno alla mia Città mi sosterranno, sul mio blog e, tra qualche giorno anche sul mio sito, ci sarà sempre spazio per il sano, onesto, educato e volenteroso impegno a 360° per conoscere, scoprire e approfondire tutto ciò che ci capita a tiro. Ciao

    RispondiElimina
  3. Apprezzo molto la sottile ironia di questa lirica, tuttavia essa andrebbe rivista dal punto di vista ortografico e allinearla a ciò che Tanino Platania ha scritto. Il talento c'è, ma va aiutato. Sebi Arena.

    RispondiElimina
  4. Quando la Cupola era nera.

    RispondiElimina
  5. condivido ed apprezzo l'intervento del sig. Suriana e mi permetto di aggiungere SALVIAMO IL GALLOITALICO finchè siamo in tempo ; facciamo in modo che , finita la nostra generazione , si possa passare il testimone alla successiva ; facilitiamole il compito con scritti di vario contenuto ; insomma RESISTERE RESISTERE RESISTERE affinchè anche questa tessera della nostra storia individuale e collettiva non vada distrutta,Prezioso
    sarà il blog del nostro PROF. così sensibile all'argomento.
    'MPERCIO' CUM'NZUMA ,N' S'NTUMA NAUTA VOTA ,MACARI 'NVERSU
    Natal' cu 'ncorch' r'gord' d' dozzi e vivamaria.

    RispondiElimina
  6. Caro Gaetano
    Ho inviato due commenti tra ieri ed oggi, ma non vengono pubblicati... come mai? Forse hai bisogno di commenti solo favorevoli? così a mio avviso il dibattito rimane solo a senso unico. Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il dibattito è tale se è costruttivo e non anonimo. Regolati. Commenti da anonimi non ne verrano più pubblicati. Pazienza, puoi cambiare canale. Passo e chiudo.

      Elimina
  7. Perché non aggiungere sotto ogni cartello,via,nei manifesti di ogni tipo, etc.etc. la traduzione in piazzese? In Alto Adige,Lombardia, etc.etc. già da decenni è in uso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vtr, ottima l'idea. Ma se già è difficile, se non impossibile, mettere dei cartelli illustrativi davanti gli antichi palazzi di Piazza.

      Elimina
    2. Quella di scrivere i nomi sui cartelli con espressioni diverse dall'italiano, può anche assumere aspetti a volte folcloristici, a volte anche "ridicoli". Tra Lombardia e Alto Adige/Sud Tirol vi è infatti, a tal proposito, una sostanziale differenza. In provincia di Bolzano ciò deriva dal fatto che si tratta di una provincia trilingue (Tedesco, Italiano e Ladino)su cui vigono degli accordi con il Governo Italiano per tale rispetto e sui cui esercita la funzione di Garante e di Controllore lo Stato Austriaco. Diverse sono le situazioni nel resto d'Italia dove ogni Comune o Provincia decide se inserire o non le denominazioni dialettali.

      Elimina
  8. Io non conosco molto il galloitalico di cui parlano in molti, i più raffinati; certo i versi dell'Autrice,mi hanno affascinato e devo dire che hanno dipinto una scena veramente suggestiva: ero accanto al venditore di fichidindia! Brava Rosalba

    RispondiElimina