ANGIOLETTO EX-VOTO PER S. FILIPPO D'AGIRA A PIAZZA ARMERINA

domenica 27 dicembre 2015

Suoni indimenticabili

L'urt'm r'cuttè, u Sig. Lo Presti
Il desiderio irrefrenabile di riproporre ricordi lontani non trova ostacoli. 
Eccovi un'altra poesia nel nostro difficile gallo-italico, con tante inesattezze linguistiche ma con infinite emozioni che meritano una finestra sul blog.

Ancora m' r'söna n' l'aréggi

Nan m' r'gord cu fu a dirlu, crëc 'n puéta
E secön mi, ièu aviva milla can' d' ragiun
Certi paroddi han d'intra 'na spec d' magia
Tu i momni e d' ncorp t' r'trovi traspurtà a n'autra banna
Autr' temp, autri s'tuaziöi
Una d' chissi paroddi è "R'CÖITA".

A numne'la m' par d' sentr' propri a stissa vösg du r'cuttèr
Ch' du voti a s'mana v'niva ntâ mè stràta griànn a sò banniada
"U r'cutté, n'dda fascèdda bedda cauda cauda, a r'cotta, e chi è?"
Ed eccu ch' 'ncasa mia s' m'tiva 'n motu 'na spec' d' catina d' montaggiu 
U "PRONTI... VIA" u dava me nanna.

Ièdda a l'anagraf era r'gstrada cu nom' d' Cruc'fissa
Ma n'an vuliva essr ciamàta accuscì
P'richì djeva ch'era 'nom ciù véggh' du p'sciatu
Chissi er'nu i so pr'cisi paroddi
P' cöss iédda stissa l'aviva modernzzat' cu cödd d' Fifì.

M'a r'gord sempr s'ttàda supra a seggia
Darrera u balcun ch s' facciava na via Crispi
Cössa era 'na böna pustaziön p' vardè cu' passava pa' strata
S'era sulu, 'ncumpagnia, com'era v'stù
E poi via cu tagghia tagghia 'nsému a so' söru Ciccina.

Puru iéa ab'tava 'ncasa mia p'richì, ormai veduva e senza grai
A mant'nëva me pà
Accuscì i döi soru s' fajevn cumpagnia
E nan avenn d'autr chi far
ciucciuliav'nu ntrâ ieddi da' mattina â sira
E a cu' ggh dav'nu e a cu ggh pröm'ttiv'nu.

Ora ch'avöma spiegat' a s'tuazion d' 'ncàsa mia
Turnöma d'arrera o "PRONTI... VIA"
Me nanna Fifì era tanticchia tranda d'aréggi  
Ma cödd ch gh' piajeva sentr u s'ntiva meggh' d' l'autri
P cöss era a prima ch' s'ntiva a vösg du rìcuttè puru d' dduntàngh.

Ad a' prima banniada z'rcava cu l'öggi so figghia
E poi griava "N'giulì N'giulì, gghiè u r'cutté
Mov't ch' cödd nan spetta i to com'di."
N'giulina ch'era mè màtri z'rcava a mì
"Ro, Rosà, vengh' zzà"
M' m'tteva 'ntë mai u sol't piatt' cu i fugghietti doradi
Cöss piatt ggh'l'öi ancora sarvà p r'gord
E je sc'nneva dda' giösa o piant'rren.

Truvava u r'cuttè cu a so b'sàzza ntâ spadda
E i fasceddi 'n na màngh punt'ddau d'arrera a porta
Iéu era n'om sicc' e long' cu döi mustàzzeddi niuri
E 'ntesta 'ntaschett a quadratini.
A scena era sempr' a stissa, jè ggh' t'neva u piatt
E ièu trandulann' a fascedda ggh' fasgeva annè dintra a r'cutedda.

A talièlla accuscì bianca e morb'ta ch' s' naccava tutta
V'niva vogghia d' mangers'la ddu mument stëss
Ora, dop' tant'anni s' ciudu l'öggi
R'nesciu a sent'r u stëss savör
E mpur a banniada
ACORA M' R'SÖNA N' L'ARÉGGI  

Rosalba Termini, dic. 2015 

Gaetano Masuzzo/cronarmerina 

25 commenti:

  1. Brava, Signora Rosalba. Ha descritto perfettamente tutte le emozioni che provavamo quando passava il sig. Lo Presti. Anch'io lo ricordo con le sue fascine quando, dopo essere stato in via Crispi, risaliva lentamente la via Bonifacio. E' proprio il caso di dirlo: "Non ci sono più i "Riccottari" di una volta".

    RispondiElimina
  2. Complimenti Rosalba ! Sei bravissima a trasmettere emozioni a noi che al nord mangiamo solo ricotta - gesso. Ricordo anche il "vaccaro" sig. Bruno che ci portava il latte appena munto e caldo caldo nei suoi due bidoni di latta. In questa stagione fredda tt era gradito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questa risposta della signora Gregoria si nota la solita vena di polemica sottile e strisciante verso il freddo ed inospitale Nord. Volevo solo segnalare che NON in tutto il nord vi è solo "ricotta - gesso", così come NON il tutto il Sud la ricotta è fresca, fumante, deliziosa e senza veleni.

      Elimina
  3. Gaetanina da Busto28 dicembre 2015 14:40

    Allora, la ricotta buona di pecora incomincia dalla Toscana e a scendere fino da noi in Sicilia e La maggior parte dei pastori tosco/laziali sono di origine Sarda. Ovviamente tutte le regioni centromeridionali hanno le pecore che producono pecorini a iosa.Al NordNord la ricotta non è buona perché le pecore non ci sono o sono poche ma hanno tantissimi formaggi bovini.se poi qualche casaro ci mette la farina lattea.....è destinato a chiudere.non mi so spiegare come da voi a Piazza la ricotta di pecora costi 2.50 quando in tutta l'isola si vende il doppio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questione di mercato,ho appena portato su 15 Kg di pecorino 75 euri.

      Elimina
  4. Mi associo alle osservazioni di herald 28 dic.perchè A R'CUTTEDDA non è un fatto gastronomico - alimentare ; essa, è ,
    con il suo venditore e distributore ,l'immagine di un rito fatto di gesti e oggetti (i piatti e i fasceddi ,i b'sazzi e u cappeu ),di colori ,odori ,sapori per me irripetibile.
    Potremmo dire ,imitando il ritornello di una vecchia canzone ,
    SON TUTTE BUONE LE RICOTTE DEL MONDO......ma A R'CUTEDDA è
    n'auta cosa.

    RispondiElimina
  5. Ciao Rosalba continui a stupirmi con i tuoi versi e i ricordi anche miei.
    Sei stupenda,scrivi qualche aneddoto di via Crispi,ricordi a zia Bobona,a zia Ciccina (madre del sindaco Conti),la cantiniera signora La Rocca?
    U ricuttaru si chiamava Lo Presti ed era produttore in quanto pcuraru.Continua continua ,un bacione a te e un bravo a Gaetano. BUON ANNO silvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvio, buon anno anche a te. Per me sarà un po' più malinconico perché mi mancherà la mia guida storica-affettiva-anedottica, mio padre, che è deceduto il 19 dicembre u.s. Ciao

      Elimina
    2. Filippo da Vercelli.29 dicembre 2015 14:55

      Ora mi spiego la non pubblicazione del blog dal 19 al 23 u.s.
      Effettivamente la mancanza di un padre in qualunque momento della vita essa avvenga lascia tanta tristezza e malinconia mentre vengono a mente tanti ricordi.
      Io ho vissuto, tempo fa, questi momenti e da lontano, come io sono ,ti assicuro che è pesante.
      Nonostante tutto,Gaetà, la vita continua e permettimi comunque di augurare a te ed a tutti i frequentatori del blog un felice anno anuo.
      Saluti.

      Elimina
  6. Gentile PROF. le porgo le mie più sentite condoglianze per la perdita del suo papà affettivamente pesante.
    Mancherà a tutti noi suoi lettori non solo come uomo ma anche
    come preziosa voce del nostro passato e dunque del nostro archivio storico da cui in tanti abbiamo attinto informazioni
    preziose.Per me una per tutte : il ""caro comò "" di mia nonna costruito da suo nonno . Chi non c'è più ha passato il testimone a noi che li ringraziamo per quello che sono stati
    rivolgendo loro una preghiera come ultimo saluto.

    RispondiElimina
  7. Giovanni Piazza29 dicembre 2015 12:00

    Rosà, la fai sciaurari, dda ricotta,
    mentri la strategì di la famigghia
    a la prima vuciata galiotta
    sgriddava a cu la cerca e a cu la pigghia.
    .
    Fifì di posta darrera u balcuni
    mentri fa tagghia e cusi cu Ciccina
    pronta o signali di ddu lungagnuni.
    Amurusanza antica ca scatina
    .
    scrusciu di sintimentu e picciuttanza
    china di tantu suli e picca sordi.
    Antica ma prisenti amurusanza
    .
    mentri s’assetta, quannu nesci fora,
    n’on piattu arracamatu di ricordi…
    e dda ricotta ca s’annaca ancora.

    RispondiElimina
  8. BRAVO ancora una volta a GIOVANNI PIAZZA per la sua spontanea capacità di usare immagini ,figure ,atmosfere poetiche per dare significati più profondi a cose e fatti ;tra tutte mi piace dar rilievo a "AMURUSANZA ......SCRUSCIU DI SINTIMENTU E PICCIUTTANZA ".Complimenti

    RispondiElimina
  9. Rosalba Termini 29 Dicembre 2015
    Giovanni Piazza!? Non credo di conoscerti ma questo tuo commento al mio lavoro merita risposta: grazie! Quella che ho appena letto è pura poesia e che tu l'abbia impostata attorno ai protagonisti del mio racconto, mi commuove!! Ancora GRAZIE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed ora, cara signora Rosalba, non ci lasci così a bocca aperta!! Per favore ci descriva, ci parli, ci racconti qualche cosa sui "casateddi". Ma lo faccia presto, possibilmente prima del 31 prossimo in modo da poterli mettere a tavola per la cena. P.S. A me ne bastano solo 24 o... giù di lì (ho deciso di moderarmi, questa volta!).

      Elimina
  10. Mi associo all'accorata richiesta di HERALD ;
    R'CUTEDDA e CASSATEDDI sono inscindibili come un binomio perfetto.Da leccarsi i baffi più o meno virtuali !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vi collegate al sito www.casateddirosalba.boni potrete vedere in diretta la signora che prepara i dolci per tutti noi lettori del Blog. Entro domani, con i potenti mezzi messi a disposizione della ditta "Autobus Martello & C." ognuno di noi riceverà la sua quota di casateddi in base al numero di post pubblicati. Per me ne prevedo una "cuffina" intera.

      Elimina
    2. In piazzese u cuffinu mascu e"

      Elimina
  11. giovanni piazza31 dicembre 2015 18:06

    Miiiiih! E tutta la puisì, unna finìu? Cerni cerni, resta sempri e sulu la tabobbiata abbuffinatoria? Evvabbè, è l'urtima di st'annu, e ve la pozzo apperdonare, va'. Qualunquemente, approfitto per ringraziare l'anonimo estimatore 'nsèmmula cu Rosalba, per i gintili paroli arrivolte a stu suttascrittu. Cafè pagatu. A tutti, tanti tanti tantaguri ancora e ni sintemu tra un annu. Cià.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giová... Vorrei continuare a scriverti nel nostro bel dialetto, ma ho fretta di risponderti...e so che ci metterei troppo tempo...a voler evitare gli errori(che pur ancora faccio!!) Hai anticipato di poco la risposta che già avevo in mente di dare al nostro buon amico Herald! La poesia nn ha nulla a che vedere con la TABOBBIATA ABBUFFINATORIA( bellissimi questi tuoi termini)... Con simpatia e auguri di Buon Anno a tutti. Ciao

      Elimina
    2. A GIUA'

      Giuà,
      m' raccumannu stasira,
      vacci pianu ed educatu,
      sia cu vinu che cu castratu.

      Baccalà frittu e carduni impanatu,
      brocculu rustutu e sauzizza cu succu,
      scàcciu maccà e cacòcciulu bùgghutu.

      Stasira s'esageri cu sti cosi
      t' lasc'nu sc'luccà e straccangià,
      aöi e 'mpuru dumàn.

      Bon'ann a ti a mi
      e 'mpuru a zzè P'pì.

      Tatanu u ciaccës
      (già mènz 'mbriàcch)

      Elimina
    3. Filippo da Vercelli.1 gennaio 2016 11:18

      Non c'era modo migliore per iniziare il nuovo anno che immergersi in questa bella cronaca alla riscoperta della " ricottedda e di casateddi".
      Rleggendo la poesia di Rosalba, e tutti i commenti che sono seguiti, mi viene naturale ringraziarvi per le belle emozioni che ho provato.
      Siete veramente bravi. Un grazie a Rosalba per il suo capolavoro e che ha innescato la miccia; un grazie a Giovanni il poeta che riesce a trasformare ogni argomento in versetti fantastici; un grazie al puntuale e "serioso" herald con la sua azzeccata pungente ironia ed infine un complimento al poeta Gaetà il quale pazientemente ci sopporta.
      A tutti un felice anno nuovo e tanti di questi bei momenti.
      Saluti.

      P.S. Chi non frequenta questo blog non sa cosa si perde.

      Elimina
    4. Gaetà, non sapevo questa tua vena poetica!!! Forse per scrivere hai bisogno di scendere in cantina, prelevare il tuo nettare e poi comporre? Ma te lo sei fatto correggere? Lo sai che poi tutto verrà sottolineato in rosso!!!! Buon Anno, anche se nel 2015 batoste ne abbiamo prese a "cuffine" intere!!

      Elimina
  12. Giorgio 31.12.2015
    Ma scusate tanto, cosa ci fa un inglese di nome herald in un sito che parla di Piazza Armerina? Mi sembra che conosca troppe cose del nostro paesello. La scimmiottella alla nostra cara Rosalba è superflua. Bisogna dire che il componimento in galloitalico teste' letto è sublime, perché ci riporta indietro di tanti anni e ci fa rivivere momenti indimenticabili. Il mister herald se è di Piazza si firmi col suo nome. Buon Anno a tutti.

    RispondiElimina
  13. giovanni piazza31 dicembre 2015 19:58

    Alla facci di la liggirizza, Tanì.
    Ti mantinisti propia vasciu vasciu.
    Qualunquemente, picciotti, stàmuni accura, ca appoi ncutugna.
    .
    Della digestione e della sua sicilianità
    E se è vero che l'uomo è quello che mangia,
    chissà che la nostra splendida e millenaria civiltà
    non debba eternissima ricanuscenzia
    a la ginuinità di la so' janghiata.
    .
    La diggestioni
    E' un miccanismu cumplicatu assai,
    caru cumpari, già puru l'agghiùttiri,
    ca quannu è strittu o siccu sunnu guai
    il cannarozzo, e già ti po strafùttiri,
    perciò ranni ha da ssiri l'attinzioni
    già nel masticoniare i masticoni.
    .
    Ccussì la robba, sempri un pocu scìpita,
    ca t'ha guardari di l'assai salanza,
    scinni, si va sdivaca e si pricìpita
    nello stòmmico vuoto della panza,
    s'assumma e finu all'ùrtima purtata
    si va ssistema attipu supprissata.
    .
    Si 'nchiudi poi la bucca tua dell'arma,
    sinnò la botta d'àcitu t'acchiana
    e dda, co' bugghi bugghi ca s'adarma,
    si sforma e trasfurmànnusi si sfrana,
    stracancia di na fatta e ssi culura
    e 'nfacci ti ci acchiàna la russura.
    .
    La sunnàcchiera già cala putenti
    cull'occhi a pampinedda stravacanti
    mentri tutta la robba diggirenti
    pigghia la via ca scinni suttastanti
    e si va 'nsosizzannu a quagghiaredda
    ammenzu all'intistini e la vudedda.
    .
    Eddocu ti camina e caminannu
    ci va lassannu tutta la fragranza
    e si quarcosa nun t'ha fattu dannu
    ci vai sucannu tutta la sustanza
    finquannu, si t'aiuta Diulisanti,
    cussì comu t'inchisti, ti svacanti.

    RispondiElimina