LA CROCE GRECA MAI VISTA SUL MURO DELLA CHIESA DEI TEATINI

sabato 5 dicembre 2015

Semplici gesti, grandi emozioni / 1

U Generàu Cascìngh, anni 60
L'autrice a ogni ritorno a Piazza si commuove. Questa volta è il gesto spontaneo di benvenuto dell'amico verduraio/fruttivendolo che la ripaga dell'ennesima fatica dell'andirivieni,
facendola sentire nuovamente a casa.
Fa niente se ha dovuto rinviare l'assaggio del frutto prelibato.
L'emozione è descritta nella non facile lingua gallo-italica
e per questo si scusa degli eventuali errori.

CÒM S' L'AVISS ACCETTÀT
(I parte)

A valigia 'n na man 'n l'autra a burseta
Camin'nu o Generàu Cascìngh,
'N na giurnàda d' fin Ottövr
Ancora sötta l'oggi o sö
Hannu l'aria sbattùa,
D' cöddi c'han fait 'nviàgg ddöngh.

Eh già, so döi ciaccësi ch' ven'nu du Nord fingh zzà
O pais, p'a festa dî morti
Cöss viaggett' iddi u fanu ogn'ann
Nan sö p' purteggh' i sciuri e so morti
Ma p'rchì su assai affeziönadi a Ciàzza
Ch'i fes nàsc.

Ièu, u marìt, camina avanti d'rìtt pa so stràta
Av prèscia d' r'vè 'ncasa so
Iedda, a mugghièr, ggh' va darrèra
U pass 'npo' ciù lent,
Ma qual è u mutìv? P'rchì sarà ciù stanca?
Nònzi, u mutìv nan è cöss.

I so' oggi nan han pr'mùra, su d'siösi d' guardè
I banchétti cu a v'rdùra o mercatinu
Ddà v'r'dùredda tantu d'siàda o Nord
S'ha vuless catè ora, tutta. Purtèrs'la 'ncasa
Cum'nzèla a pulzièr e a coc'r prima d' svutè a valigia
Quarch' vota, no so avant e 'ndrè Nord-Sud
Ha cap'tàt pròpriu accuscì.

Quànn eccu, 'nde v'sg'nànzi du banchètt d' Mariu,
Ungh dî so amìsgi v'rdùrari,
Succèd quarch còsa ch' sa d' commovent.
Mariu, u baröm ch'ava già scarut' a föm'na 'nluntananza
Ggh porg a màngh, e dìntra chi ggh'è?
'Na bedda f'cudìnnia arancion e gialla
È a so manéra d' feggh' a bonturnada.
(continua domani)

ROSALBA TERMINI

Gaetano Masuzzo/cronarmerina


  

3 commenti:

  1. Complimenti alla poetessa! Versi sinceri,nostalgici ed emozionanti ci ricordano gli usi paesani. Fedora

    RispondiElimina
  2. Condivido in pieno i complimenti di Fedora per questa poesia da cui traspare tutto l'amore per Piazza. Non so se te l'ho mai detto, mi ricordi mia mamma quando andava al suo paese natio che era felice per tutte quelle piccole cose che le ricordavano la sua infanzia e il suo vivere di cose semplici. Maria Platania

    RispondiElimina
  3. Vimercate 9-12-15 Cara Rosalba mi stupisci sempre di più,in 2 mesi ho
    letto quattro belle poesie in vernacolo piazzese.Mi sembra di trovarmi a S.Rosalia con mia mamma a fare la spesa e vedere i "fcudinari.Non curarti degli anonimi ma lascia e....continua continua.Grazie Gaetano sei unico. Ciao silvio

    RispondiElimina