LA CROCE GRECA MAI VISTA SUL MURO DELLA CHIESA DEI TEATINI

domenica 13 dicembre 2015

Oggi Santa Lucia



Queste quattro pietre rimaste l'una sull'altra, rappresentano quella che doveva essere la chiesa di Santa Lucia in c/da Ralbiato, lungo la strada provinciale 15, a metà strada tra Piazza e Barrafranca. 
Chissà se la festa alla Santa il 13 dicembre veniva festeggiata anche qui?

Non tutti però sanno che prima della chiesa, ex sinagoga ebraica, dedicata a Santa Lucia nel quartiere Canali, a Piazza ce n'era un'altra molto più antica dedicata a questa Santa martire siciliana, precisamente di Siracusa.
Si trovava al Monte presso la Regia Cappellania del vecchio castello chiamato Castrum Reginae. In seguito i Carmelitani nel 1238 la intitolano a San Calogero, i Francescani nel 1392 a Santa Maria degli Angeli, nel 1603 i frati dell'Ordine Ospedaliero di S. Spirito di Roma, subentrato nella gestione dell'Ospedale, la dedicano allo Spirito Santo. Nel 1640 i Giurati di Piazza, per la situazione economica disastrosa dell'ospedale, sono costretti a vendere la chiesetta di S. Spirito ai vicini Francescani Conventuali che l'abbatteranno per allargare lo spazio antistante la loro chiesa dedicata a San Francesco.
 Gaetano Masuzzo/cronarmerina 

10 commenti:

  1. giovanni piazza13 dicembre 2015 11:04

    Evvabbè, epperò accussì, troppu facili è. Tu ni cunti u cuntu, e noi ti accrediamo pirchì si tu. Ma una luciana onestà intellettuale avrebbe preteso qualcusuzza cchiù tangibbilìstica. E chi ci vuliva, a prubbricari qualchi fotografì do millettriccentu o milleqquattrucentu? Qualunquemente, puru a cuntata di cuntu, molto interessante arrisulta, e a la piacivulizza di la nutiziarì di la nostra storia si ci junci la sbummicanti dumanna: ma di unna diavuluni li pigghi?
    E allura pròsita e pròsita e pròsita.
    E sicutamu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Liggennu, liggennu e liggennu. Curiusannu, curiusannu e curiusannu, sbummicu nutizi ca mi fannu vulari e turnari darreri ndo tempu chi fu. A prossima vota ti la portu na fotu di Chiazza, comu la voi biancu e niura o a culuri di li sciuri nostri? Baciamu li manu a vostrassignuria. Tanuzzu Masuzzu

      Elimina
  2. Grande Gaetano....conversare con te deve essere puiacevolissimo....chissà ! Intanto un saluto e auguri di Buone Feste....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché non avvicini alla Scuola Media Cascino mercoledì prossimo alle 17:30. Terrò una chiacchierata, che alcuni chiamano CONFERENZA, all'Università Popolare "Nigrelli" su "Notizie su Piazza che fu". Ovviamente se sei nei paraggi. Comunque ricambio con piacere gli Auguri di Buone Feste, ovunque tu sia. Ciao

      Elimina
  3. Piacevolissimo e , come sempre , ricco di verve , l'intervento di Giovanni Piazza ; eccellente la caustica risposta del PROF.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io e Giò non ci facciamo mancare nulla,
      perché ci conosciamo sin dalla culla.
      Io gridavo uè,
      lui ripondeva uè uè!
      (chiedo scusa a tutti per questa divagazione spontanea/poetica/infantile).

      Elimina
  4. Mi sono sempre chiesto,passando e ripassando da quella contrada, a chi appartengono i ruderi e perché non si fa nulla per togliere tutto quel materiale che ricopre i resti del monumento. Non avrà forse una importanza rilevante, ma è pur sempre un tassello del nostro passato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vtr, ni vulemu cattar gnautri. Fuss cosa di far accussì. Ciao

      Elimina
  5. Dobbiamo chiedere all'amico barrese Prof. Liborio Centonze che sicuramente ne saprà tanto,per l'acquisto si può vedere in futuro, anche se è troppo vicino alla provinciale e al fiume Braemy.ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chi c' vo? Facemmu spostar a strata e u scium.

      Elimina