LA CROCE GRECA MAI VISTA SUL MURO DELLA CHIESA DEI TEATINI

lunedì 31 marzo 2014

Aria di gemellaggio / 1

Capriate San Gervasio (BG)
In questi giorni sono arrivate voci di un probabile gemellaggio della nostra Città con una del Nord, precisamente della Lombardia e della provincia di Bergamo: Capriate San Gervasio. La cittadina di 8 mila abitanti si trova a ca. 20 Km. a sud-ovest del capoluogo ed è bagnata dal fiume Adda. Il longilineo territorio comunale è situato lungo la sponda sx del fiume ed è formato da tre "gradini", su ognuno dei quali si adagia uno dei tre storici insediamenti urbani: San Gervasio d'Adda a nord, Capriate d'Adda al centro e Crespi d'Adda a sud. Dopo i Celti, i Romani e Vescovi, investiti direttamente dall'Imperatore, il borgo vide notevoli scontri tra le opposte fazioni di guelfi e ghibellini che resero obbligatoria la costruzione di edifici atti alla difesa del territorio, tra i quali un castello. Il borgo fu segnato anche dagli scontri tra il Ducato di Milano e la Repubblica di Venezia. Inizialmente ebbe la meglio il primo, ma successivamente fu la seconda a controllare la zona dal XV secolo, garantendo stabilità per alcuni secoli. Dopo i Francesi, all'inizio dell'Ottocento subentrarono gli Austriaci sino all'unità d'Italia, dopo la quale il paese ha vissuto un'intensa fase di industrializzazione culminata con la costruzione del borgo chiamato Crespi d'Adda. Nel 1928 i primi due insediamenti, San Gervasio d'Adda e Capriate d'Adda, furono accorpati nel nuovo Comune di Capriate San Gervasio. (fonte wikipedia) Gaetano Masuzzo/cronarmerina

Nei prossimi giorni altri 3 post di approfondimento su Capriate San Gervasio  

9 commenti:

  1. Sarebbe una delle non poche possibilità sinergiche di fratellanza sociale e culturale degna di realizzarsi oggi stesso.

    Pippo MERCATO (warship@alice.it)

    RispondiElimina
  2. mi chiedo,ma come nascono queste iniziative? cosa accomuna (!?) in questo caso i due comuni? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di leggerti gli altri tre post dei prossimi giorni. Lo capirai subito. Non ti anticipo alcunché.

      Elimina
    2. Basta gironzolate nei siti del paesino per farsi una idea.Ma non eravamo gia' gemellati?Ci siamo separati?I gemellaggi secondo me,dovrebbero intendersi come voglia di armonizzare con tutto il nostro territorio,a cominciare dalla nostra SIcilia!

      Elimina
    3. Infatti, si vede quanto siamo gemellati con i paesi viciniori. Nan n' putemu mancu vid'! A proposito, voglio vedere dove andremo a parare con i nuovi consorzi!

      Elimina
  3. Amici cu tutti e frat cu nuddu...diceva una antica espressione locale.E cosa dire della nostra Europa unita?Altro che consorzi locali!

    RispondiElimina
  4. C. V. D.

    Tipico di noi piazzesi !

    Pippo MERCATO (warship@alice.it)

    RispondiElimina
  5. bene san gervasio e dintorni, ma con tanti paesi del profondo sud che sconosciamo.....se non ricordo male una volta eravamo gemellati con Pinerolo per la presenza di numerosi piazzesi.

    RispondiElimina
  6. mi piace questo gemellaggio,è interessante questo antico paese come il nostro.poi è ben costruito ,ben selezionato ,sembra pulitissimo da prenderlo ad esempio.Inoltre è un paese interno a un contesto del nord Italia come è Piazza Armerina nel contesto della Sicilia.

    RispondiElimina