DAL 2 FEBBARIO 2016 NUOVO SITO WWW.CRONARMERINA.IT

giovedì 8 ottobre 2015

1283 - I 101 militi di Placea/2

Cavalieri aragonesi del XIII secolo
Eccovi altri 40 nominativi dei 101 militi/nobili registrati a Piazza (allora chiamata Placea) nel 1283, ovvero quando re Pietro d'Aragona venne in "aiuto" dei Siciliani dopo che si erano ribellati ai Francesi-Angioini al tempo del Vespro:
de Condrono Simoni notario (o Fundrò, borgo a metà strada tra Piazza e Castrogiovanni)
de Castellana P.
de Campobaxo Mattheo (o Campobasso)
de Damiata Ade (origine lombardo-piemontese)
de Frascirolo Argumento
de Favara Riccardo
de Florencia Galterio (origine toscana)
de Florencia Jacobo (origine toscana)
de Gabriele Johanni (origine lombardo-piemontese)
de Ganga Lorenzo (30) (in gallo-italico: molare, dente)

de Gatta Conrado (feudo nei pressi di Mirabella Imbaccari)
de Hugacio Sinibaldo (poi Ugacio, origine toscana)
de Hugacio Uberto (poi Ugacio, origine toscana)
de Johanne Baldono portario
de Lantalino Bartolomeo
de Lantalino G.
de Magistro Bartolomeo G.
de Magistro Philippo Anselmo
de Magistro Rogerio Raynaldo
de Magistro Simone Rogerio (40)

de Magistro Simoni Rogerio
de Mammane Jacobo
de Margone Johanni
de Mayniaci Porrono (forse da Maniace paesino sui Nebrodi, origine bizantina)
de Mayniaci Raynaldo (forse da Maniace paesino sui Nebrodi, origine bizantina)
de Mazzarino Johanni (signore di Mongiolino e ribelle a re Pietro d'Aragona)¹
de Manenti Bellomo G.
de Medico Leonardo (origine toscana)
de Milite Andrea (origine lombardo-piemontese)
de Nichosia Donadeo (50) (da Nicosia, prov. EN)

de Nichosia Jacobo (da Nicosia, prov. EN)
de Nichosia Risio Johanni (da Nicosia, prov. EN)
de Palmerio Johanni
de Phidilupi Henrico (anche Phedelupo, Fedelupo, Fidilupo)
de Placea Gilberto
de Pollicio Bartolomeo (da Polizzi, prov. PA)
de Provero Jacobo (origine lombardo-piemontese)
de Prune Jacobo (da prugna)
de Rimano Henrico (forse da Rimini)
de Rofino Azumbardo (60) (o Roffino, origine lombardo-piemontese) 
(continua)

¹ Mongiolino era un castello nei pressi dell'odierna Mineo. Nel 1285 il piazzese Mazzarino verrà arrestato e inviato in Catalogna per essere rinchiuso nel castello di Segurana. Due anni dopo, per ordine del nuovo re Giacomo d'Aragona, verrà annegato in mare in vista della Sicilia insieme a tutti i principali nemici siciliani che erano stati prigionieri in Catalogna.
Gaetano Masuzzo/cronarmerina  

Nessun commento:

Posta un commento