NEL CERCHIETTO GIALLO I RESTI DEL MURO SUD DEL CASTELLO DI PLACIA

venerdì 15 gennaio 2016

Ricordi in via Castellina


Tra le viuzze del centro storico della Castellina una volta si provava anche l'ebbrezza della libertà.

'N r'gòrd d' l'bertà

Ggh'è na stràta a Ciazza ch' s' ciama via Cast'ddina
jèdda è tutta p'nningh e all'éb'ca era faita d' balatèddi
pròpriu p' fr'nè i zzoculi di scècchi ch' 'na vota
cianav'nu e sc'niv'nu d' döch.

Ora, s'era veru ch' i balatèddi fr'nav'nu
'ncorch bona sc'dd'càda all'armài,
era mpùru veru ch' jèddi fasgèv'nu 'mping'r u tacch
di scarpini di beddi s'gnùri ch' a drumènia
do P'rtusg cianav'nu pa via Cast'ddina
p'annès a fè na passiada o Generau Cascìngh.

Putè crèd quant'era d'f'curtos cianè e scenn'r p' cössa stràta
tantu ch' i fömni,
ggh' l'oia ancora davanzi a l'òggi,
camm'nav'nu a doi o tre n'semula
t'nen's a braccett' p' nan sc'dd'chè
ma cu pricu ch' s' sc'dd'cava una
s' purtava darrera mpùr l'àutri.

Ma p' mì nan era accuscì.
Jè ancora carusetta e senza tacchi
stà stràta ma fasgeva tutta curren a scattacör e mai sòla.
Era sempr 'ncumpagnhia d' ngruppètt d' föm'neddi
me cumpagnètt d' l'Aziongh Cattol'ca
accuscì s' ciamava tànn a frequènza na parrocchia
ch' p' mì era cödda d' Santa Ven'ra.

'Ncòch vòta döi o tré carusètti masculiddi s' iungiv'nu
o nostr' gruppètt d' föm'neddi
ma jèddi u savev'nu d' pr'ncìpiu ch'era "partita persa"
currev'nu scì, ma sèmpr darrèra
senza mai putér'n iung'rn.

Pròpriu beddi ddi cörsi pì stratuzzi
ch' partenn' da via Cast'ddina
s' 'nf'lav'nu dìntra l'autra com' n' dedalu
ma appena n' parèva d'ess'n p'rdui
d' n'cop n' r'truvàv'mu o pönt d' partènza...
e u giö r'p'gghiàva.

N' trasìv'mu n' na vanèdda e scattiav'mu n' nàutra
sèmpr d' cörsa
com' s'av'm anné a p'gghiè u pàliu
inveci era p' r'tàggh'ern n'öretta d' l'bertà.

Dda cörsa d'fàtt n' fasgeva sent ciù ranni e ciù L'BERI
p'ccà ch' tànn non savèv'mu
öra dòp tant'anni u pozz dì
ddu s'nt'mènt d' l'bertà ch' pruvov'ma
era pa d'subb'diènza ch' fasgev'mu.

Eh già cöss fàtt d'annè f'rriè pi stratuzzi da Cast'ddina
era na còsa proibìta speci d' me ma'
ch' m'assa volùt sempr sötta a so gonna.
Ma propri p' cöss jè nan scutàva e a drumènia
dop u catechism' cu sol't gruppètt d' caruseddi
partiva pa sol'ta sped'ziöngh
"a cörsa pazza e allegracör pi vanèddi."

No méntr ch' currev'mu griav'mu a vösg d' tèsta
paroddi senza s'gn'f'cà ch' n fasgèv'nu rid
a ddu songh arg'ntìngh da nostra r'sàda
i cr'stiài s' facciav'nu o balcön
e ggh'era cu r'dìva e cu n' d'sgeva ciù d' na paròddazza.

E quant'era bèu scanzè u' prìcu d' p'gghiers 'n corp d' bastöngh
d' n' v'gghiètt s'tà d' giurnàda 'ntô scalöngh davànzi a so porta.
Jéu cu l'òggi a pampanèdda pariva sempr durmù
ma com n' s'ntiva r'vè griannu a ddà manèra 
cum'nzava a santiè:
"Talè, talè, s' stana r'cugghieènn i scavaddài...
annév'n 'n casa... via d' zzà!"
 No mentr fasgèva rotar n l'aria u so bastöngh
ma senza mai 'ngagghiarn'.

Secönn mi cöss da drumènia era mpur pu v'gghiètt
'na speci d'appuntàment' cu niàutri caruseddi
crèd pròpiu ch' ieu n' sp'ttava
perciò a so reaziöngh era sö 'na pantumìma p' ders 'n vànt
ma sötta sötta era cuntènt.

Ora, ch' mpùru jé nan sign ciù carusetta,
cöst r'gord d' l'bertà 
davànzi a l'oggi m' cunòrta.

Rosalba Termini, gennaio 2016

Gaetano Masuzzo/cronarmerina









11 commenti:

  1. Filippo da Vercelli15 gennaio 2016 10:32

    Bellissimi ricordi di una drumenia tra balatèddi e vanèddi a Castellina. Sembra proprio vedere le signore col tacco in pericolo di scivolamento, ed il vecchietto vociante col bastone.
    Brava, brava ed ancora brava Rosalba.
    Saluti.

    RispondiElimina
  2. Brava Rosalba. Anch'io da ragazzino ho frequentato in lungo ed in largo quelle zone, ma non ho un bel ricordo, anzi, a dir la verità, penso di essere stato nella zona del "pertuso della Castellina" solo un paio di volte nella mia vita... perché mi metteva paura. Così come non trovavo nulla di romantico nel vedere la gente ammassata in otto a vivere nei "cattoi" con accanto l'asino, o le signore che facevano i salti mortali per racimolare quelle poche lire che gli avrebbero permesso di comprare mezzo litro d'olio (di chissà che... olive), o che aspettavano il tizio per farsi riparare con il fil di ferro uno dei pochi piatti che avevano e che si era rotto. Bella la descrizione delle signore con i tacchi, ma quanta miseria attorno!!

    RispondiElimina
  3. Bella, complimenti. Sono sempre tutte molto evocative, leggendole sembra di essere nel quadro che descrivi!

    RispondiElimina
  4. Mi hai fatto rivivere i nostri vecchi tempi alla Castellina e a piano Santa Veneranda.
    Gino Pellizzone

    RispondiElimina
  5. Ogni anno faccio il mio solito "giro turistico " tra le viuzze. I tacchi evito di metterli!! Dolce è il ricordo dei bimbi che si rincorrono liberi e senza il pericolo del rombo dei motori. Complimenti Rosalba x la tua vena poetica

    RispondiElimina
  6. giovanni piazza21 gennaio 2016 10:16

    Rosà, cià voi finiri, sì o no?
    Ca sti ricordi di sta gioventù
    ni sbuffazzìanu l’arma e nun si po
    campari sbuffazziati di chiffù
    e allura sdugnu e ammenzu a sti sbuffazzi
    ti dicu sulu… grazzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe gradita anche una traduzione in italiano!!! Grazie.

      Elimina
  7. giovanni piazza27 gennaio 2016 21:34

    Nel caso la richiesta di traduzione fosse rivolta a mmia:
    Rosalba, la vuoi finire, sì o no?
    Perché questi ricordi di questa nostra gioventù
    ci schiaffeggiano l’anima e non si può
    vivere schiaffeggiati da ciò che fu
    e allora sbotto e in mezzo a quegli schiaffi
    ti dico solo… grazie.

    RispondiElimina
  8. BELLISSIMA POESIA DESCRITTIVA CONNOTATIVA.....EVOCAZIONE DI UNA VITA TRASCORSA , MA NON PASSATA......POESIA DI FORTE IMPATTO EMOTIVO......SEMBRA DI VEDERE ROSALBA CARUSETTA E SENZA TACCHI, MONELLARE PER LE STRADE DI PIAZZA.....E IN LEI RIVEDO ME.......PROFONDO SUD FUMMO SIAMO E SAREMO.....GRAZIE ROSALBA, POETESSA DI VERNACOLO.....GIUSI TUA!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusi, questo commento te lo trasferisco sul nuovo sito www.cronarmerina.it perché il blog ormai dal 2 febbraio scorso è da considerare un archivio. Ciao

      Elimina