NEL CERCHIETTO GIALLO I RESTI DEL MURO SUD DEL CASTELLO DI PLACIA

giovedì 9 aprile 2015

U veru cazzaör' ciaccés



Una delle poesie in gallo-italico più note del poeta-falegname Carmelo Scibona (1865-1939) è quella dedicata al cacciatore concittadino, compare del poeta, Mario Mancuso. 

Làriu u Mancos

Làriu u Mancos è u prim' cazzaör',
C'u fatt' veru, è veru professör
Quann' a n cunigghju su pigghhja d' mira
Prima nz'rragghja l öggi e pöi gghj' tira.
L'an'malètt' ch' n'è già nfurmà
Gghj' fa na rr'satedda e s' n' va.

L àutra giurnada u vitti a M'rringh'
Era d' posta nô menz' u giardingh
Tutt'a na vota scarrisc' mp'cciòngh'
S' sus' e u pönta c'u pezz' u furcöngh'
Sémpr' cu l öggi 'nciosi, o sant' Lucca!,
Sbagghja o p'cciòngh' e nzerta na cucca.

Tutt' cuntént' s'ha mént' nei mai,
A va mustrann' a tutti i v'ddai
Cösti u talinu d' quant' è garrös
- Coss' cu è dò Lariu u Mancös?!
Èu s'a capisc', s' spénza a cudéra
Pighhja dda cucca e s'a mùccia darréra...

Carmelo Scibona
(U Cardubu, 1935)

(Ilario il Mancino /Ilario il Mancino è il primo cacciatore, /Per la verità, è vero professore. /Quando prende di mira un coniglio /Prima chiude gli occhi e poi gli spara. /L'animaletto che ne è già informato /Gli fa un sorrisino e se ne va. /L'altro giorno lo vidi a Merlino /Era appostato in mezzo al giardino /Tutto ad un tratto intravede un piccione /Si alza e lo punta col pezzo di forcone /Sempre con gli occhi chiusi, o san Luca!, /Sbaglia il piccione e colpisce una civetta. /Tutto contento se la mette tra le mani, /Va mostrandola a tutti i villani /Questi constatano quanto è stupido: /- Questo chi è don Ilario il Mancino?! /Lui capisce, alza la falda della giacca /Prende quella civetta e se la nasconde dietro...)

Carmelo SCIBONA a cura di Salvatore C. TROVATO, 1997, p. 154.

Gaetano Masuzzo/cronarmerina
 

2 commenti:

  1. Bellissima poesia, non conoscevo tutti versi solo"sbagghja o p'cciongh e nzerta na cucca.
    Grazie a te e al signor Trovato. Ciao Gaetano silvio

    RispondiElimina
  2. Degna di un cartone animato alla SIMPSON l'immagine del cacciatore che mira,chiude gli occhi e spara mentre il coniglio,che già conosce la conclusione della scena, si fa beffe
    di lui con una risatina e scappa.Ammirevole la capacità del poeta di irridere le debolezze umane.Meriterebbe maggiore notorietà.

    RispondiElimina